Stazione Foster: ordine Architetti chiede completamento dell’opera

FIRENZE – «Siamo soddisfatti di apprendere che ci sia la volontà di far ripartire il cantiere quanto prima. La stazione Foster, in avanzato stato di realizzazione, è un tassello fondamentale di quel sistema multimodale tanto auspicato per allentare la morsa del traffico e spostare quote crescenti di utenti su efficienti mezzi di trasporto collettivo. Il sottoattraversamento ferroviario della linea Av, di cui la ‘Foster’ è componente sostanziale, consentirà di liberare i binari di superficie nel tratto urbano e di metterli ad esclusivo servizio dei treni quotidianamente utilizzati dai pendolari, evitando ritardi e disservizi legati all’interferenza tra convogli ad alta velocità e treni locali”. Lo
afferma in una nota l’Ordine degli Architetti di Firenze a proposito della visita a Firenze della ministra delle infrastrutture e dei trasporti, Paola De Micheli.

“La rete tranviaria, che ha registrato un enorme successo e che immaginiamo destinata ad una rapida estensione, deve necessariamente
essere integrata sulle maggiori distanze da un sistema ferroviario moderno, capace di raccogliere e distribuire viaggiatori in modo
diffuso e con passaggi frequenti – afferma l’Ordine degli Architetti – Treni con porte automatiche, facilmente accessibili, con frequenze di
dieci minuti, fermate ogni chilometro, interconnesse alla rete tranviaria, in grado di connettere efficacemente territori e principali poli attrattori della città metropolitana”. L’asse Pistoia-Prato, la zona Empolese, il Mugello, il Valdarno, il Chianti, per la mole degli scambi, “richiedono moderni ed efficienti servizi di trasporto pubblico su ferro”

completamento, foster, opera


Paolo Padoin

già Prefetto di Firenze
Mail

Firenze Post è una testata on line edita da Toscana Comunicazione srl
Registro Operatori della Comunicazione n° 23080