Germania: aggredisce agenti con coltello al grido «Allah Akbar», ucciso a colpi d’arma da fuoco

EPA/KDF-TV

GENSENKIRCHEN – La polizia tedesca ha ucciso a colpi di arma da fuoco un uomo di nazionalità turca che ha tentato di accoltellare gli agenti brandendo un coltello nella città di Gelsenkirchen. L’uomo è stato notato dai poliziotti perché nascondeva l’arma dietro la schiena. Nonostante gli avvertimenti – ha detto un portavoce della Polizia – ha rifiutato di fermare il suo assalto, costringendo un agente a sparargli uccidendolo. Nessuna conferma, invece, che l’uomo abbia gridato «Allah Akbar» durante l’assalto, derubricata a voci di alcuni dal portavoce della polizia. Ma la Polizia non escluderebbe la matrice terroristica. La Germania rimane in allerta a seguito di una serie di attacchi di matrice islamica che hanno colpito il Paese. Il più cruento nel 2016, quando un camion si lanciò tra la folla di un mercatino di Natale a Berlino uccidendo 12 persone. Negli ultimi anni in Germania decine di persone sospette sono state arrestate o accusate di terrorismo.

In Francia e in germania, paesi democratici e civili, la Polizia può intervenire contro sospetti terroristi senza alcuna remora per difendere la sicurezza dei cittadini e dei tutori dell’ordine. In casi analoghi in Italia, grazie alla nostra zelante magistratura, spesso ci vanno di mezzo esponenti delle Forze dell’ordine e talvolta ministri. Guai a attentare alla vita di islamici o migranti, si rischia grosso.

coltello, Polizia, turco, ucciso


Paolo Padoin

Già Prefetto di Firenze Mail

Firenze Post è una testata on line edita da Toscana Comunicazione srl
Registro Operatori della Comunicazione n° 23080