Coronavirus: Conte replica a Salvini, siamo sorpresi dal picco di contagi, ma non impreparati

Giuseppe Conte (Foto ANSA)

ROMA – «Siamo rimasti sorpresi che c’è stato un picco nel numero dei contagiati, essere sorpresi non significa che siamo rimasti impreparati». Lo ha chiarito il premier Giuseppe Conte, parlando a Che tempo che fa, e precisando il senso di sue precedenti dichiarazioni.  «Siccome ho visto che c’è stata speculazione politica di un esponente dell’opposizione in particolare – ha detto in un riferimento a Matteo Salvini – dico che essere sorpresi non significa che siamo impreparati. La sorpresa è dovuta al fatto che da un giorno all’altro c’è stato un picco nel numero di contagiati, ma noi abbiamo sempre lavorato in vista di una potenziale diffusione, abbiamo piani».

Conte, coronavirus, fazio, Salvini


Paolo Padoin

Già Prefetto di Firenze Mail

Firenze Post è una testata on line edita da Toscana Comunicazione srl
Registro Operatori della Comunicazione n° 23080