Ponte crollato Aulla: procura di Massa sequestra viadotto e indaga per disastro colposo

MASSA – La Procura della Repubblica di Massa ha aperto un fascicolo di indagine per ricostruire le cause del collassamento del viadotto. L’inchesta è seguita dal sostituto procuratore di turno, Alessandra Conforti. S’indaga ipotizzando il reato di disastro colposo. L’area interessata dal crollo è stata sottoposta a sequestro su disposizione del pm. Il crollo del ponte lungo la Strada statale 330 (ex Sp 79) è avvenuto alle 10,10 di stamani, 8 aprile, hanno precisato i carabinieri che hanno svolto il primo sopralluogo.

Al momento del crollo stavano transitando sulla sede stradale due furgoni, i cui conducenti sono rimasti leggermente feriti e sono stati trasportati in ospedale: uno al pronto soccorso della Spezia e l’altro, in codice giallo, in elisoccorso al pronto soccorso di Pisa. Il primo sopralluogo a cura dei carabinieri della compagnia di Pontremoli, con l’ausilio di un elicottero dell’Arma e dei vigili del fuoco di Aulla, ha permesso di escludere la presenza di vittime.

aulla, Crollo viadotto, disastro colposo, indagini procura Massa, pm Alessandra Conforti


Gilda Giusti

Redazione Firenze Post

Firenze Post è una testata on line edita da Toscana Comunicazione srl
Registro Operatori della Comunicazione n° 23080