Le parole del premier, subito smentito

Migranti: Conte, non tollereremo ingressi irregolari. Ma 50 scappano da hotspot Porto Empedocle

di Paolo Padoin - - Cronaca, Economia, Politica, Top News

CERIGNOLA – Il premier Conte, nella sua Puglia, si accorge, con grave ritardo, che la situazione dei migranti sta sfuggendo di mano al Governo e cerca di correre ai ripari facendo la faccia feroce. Ma ci fa una figura barbina perché, mentre lui parlava, altri 50 migranti in quarantena, forse infetti, sono scappati dall’hotspot di Porto Empedocle, mettendo in pericolo la sicurezza e la salute dei cittadini.

Dunque ecco la versione feroce, quasi salviniana,  del premier (che dirà Papa Francesco, suo fervido protettore?): «Non possiamo tollerare che si entri in Italia in modo irregolare e non possiamo permettere che i sacrifici fatti dal Paese per la crisi Covid siano vanificati.Dobbiamo intensificare i rimpatri. Non si entra in Italia in questo modo e soprattutto in questo momento di fase acuta non possiamo permettere che la comunità internazionale sia esposta ad ulteriori pericoli non controllabili. Ci sono migranti che hanno tentato di sfuggire alla sorveglianza sanitaria: non ce lo possiamo permettere. Dobbiamo essere duri e inflessibili. Se c’è una cosa che non ci viene rimproverata è l’aver affrontato l’emergenza mettendo al primo posto la tutela della vita e della salute dei cittadini».

Da Porto Empedocle arriva subito un’eloquente risposta al premier. Una cinquantina di migranti tunisini sono riusciti, dopo aver scavalcato la recinzione, a scappare dalla tensostruttura di Porto Empedocle. Quattro o cinque sono tornati, dopo qualche ora, spontaneamente,. Polizia, carabinieri e guardia di finanza stanno cercando i fuggitivi. Già una decina di giorni fa dalla stessa tensostruttura della Protezione civile erano scappati un centinaio di immigrati.

Intento la nave Gnv Azzurra, sulla quale verrà effettuata la quarantena dei migranti che sbarcano nell’Agrigentino, è arrivata a Porto Empedocle. Ora verrà effettuata una ispezione tecnica da parte della commissione di visita che e’ presieduta dalla Capitaneria di porto. La commissione dovrà stabilirne l’idoneità come nave passeggeri con sistema di isolamento protetto per l’alloggiamento e la sorveglianza sanitaria dei migranti, che nel frattempo scappano per ogni dove sotto il naso di Conte e del governo giallorosso. E gli italiani ne pagano le conseguenze economiche, di sicurezza e di salute..

Tag:, ,

Paolo Padoin

Paolo Padoin

già Prefetto di Firenze
Mail
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: