Fiorentina eroica: pari in nove a Torino (1-1). Ribery gran gol. Arbitro inadeguato. Pagelle

L’espulsione di Castrovilli per fallo su Lukic al 12′ del secondo tempo (Foto Violachannel)

FIRENZE – Pareggio eroico, della Fiorentina a Torino. Da calcio d’altri tempi. In nove contro undici, i viola sono riusciti a non perdere. Ma avrebbe vinto, la Fiorentina, se Milenkovic non avesse commesso un’ingenuità che non è ammissibile in un giocatore della sua esperienza e del suo valore: si è lasciato provocare da Belotti al 26′ della ripresa e l’ha colpito con la testa. Colpo leggero, intendiamoci, ma Belotti si è buttato in terra, facendo la scena. L’arbitro Di Bello, del tutto insufficiente, ha forse voluto punire il gesto. Estraendo il rosso per il difensore viola e il giallo per Belotti. Milenkovic ha comunque sbagliato. Dopo quello che era successo a Milano fra Ibra e Lukaku, come si fa a perdere il controllo? Peccato, perchè la Fiorentina, in quel momento, era in vantaggio per un gran gol di Ribery, quando già la squadra era in dieci per l’espulsione di Castrovilli, del tutto discutibile. E’ vero che Castrovilli è franato addosso a Lukic lanciato a rete, ma Di Bello (al quale non posso dare più di 4) aveva estratto inizialmente il giallo. Poi, richiamato dal Var, ha cambiato cartellino. Aggiungo che ha annullato anche un gol di Vlahovic, l’arbitro di Brindisi. Che comunque non è stato all’altezza di una partita così importante. Che la Fiorentina ha condotto molto bene. Prandelli, bravo nell’approccio alla artita, è stato anche assai abile a contenere i danni, quando si è trovato con la squadra falcidiata dalle decisioni arbitrali. Una squadra che ha saputo affrontare una situazione imprevista con grande determinazione. A parte Milenkovic, che giudico da 4,5 per quel gesto incomprensibile, non darà insufficienze. Anche se, forse, la meriterebbe Pezzella,per alcuni errori durante la partita e per essersi perso Belotti, proprio in fondo, e lasciandogli segnare il gol del pareggio. Che cosa aggiungere? Fiorentina molto buona nei primi venti minuti. Con il palo clamoroso di Vlahovic. Poi Nicola ha preso le contromisure e il Toro ha colpito a sua volta la traversa con Belotti. E con Singo nel secondo tempo. Ma nella ripresa, la Fiorentina, pur perdendo Castrovilli in maniera secondo me ingiusta, aveva saputo prendere la partita in mano. Con un gol capovaloro di Ribery servito da una gran giocata di Bonaventura. Il Toro ha difficoltà evidenti, non mi meraviglio che navighi laggù in fondo. La Fiorentina è superiore e avrebbe strameritato di vincere. Se Milenkovic non avesse fatto quel gesto. E se ci fosse stato un altro arbitro.

Vlahovic ostacolato da Lyanco: Dusan ha colpito un palo e gli è stato annullato un gol al Var (Foto Violachannel)

QUARTA – Sorpresa nella formazione viola: Prandelli lascia fuori Caceres e Igor e manda in campo Quarta, protagonista di un buon spicchio di partita nel subentro con il Crotone, e anche Venuti. Tutto come previsto, invece, nelle file del Toro, Anche l’inserimento del giovanissimo Buongiorno. Entrambe le squadre non hanno potuto schierare gli ultimi acquisti, ossia Malcuit e Kokorin i viola, e Sanabria i granata. Prima del fischio d’inizio si viene a sapere che l’Inter chiederà di giocare contro la Fiorentina sabato 6 febbraio e non venerdì 5. Motivo? Conte si è lamentato perchè i suoi dovranno giocare martedì la semifinale di Coppa Italia contro la Juve. Ragionevole. Pronti via e dopo qualche schermaglia a meta campo c’è il primo tiro in porta: Lukic impegna Dragowski ma non lo impensierisce. La Fiorentina prende l’iniziativa a metà campo, ma la manovra è lenta e troppo elaborata.

PALO – Al 9′ invenzione di Ribery che spunta da dietro e libera Vlahovic in area, calcia prima di venirea tu per tu con Sirigu che copre bene lo specchio della porta. Tira Vlahovic, di piatto, e colpisce il palo alla destra del portere. Non ci si può credere! Un gol mangiato. Non si possono sprecare occasioni così, perchè quante te ne possono caitare nel corso di una partita? La Fiorentina aggredisce e preme sulle fasce. Il Toro è timido e quando scatta in contropiede appare lento e prevedibile. Contro un avversario così la Fiorentina dovrebbe aver già segnato.

DRAGOWSKI -La partita, presentata come sfida salvezza da coltello fra i denti, ha invece un ritmo da amichevole estiva. I viola non affondano. E al 28′ rischiano moltissimo: lancio per Lukic a tu per tu con Dragowski. Il portiere esce sembra non toccare il pallone e si scontra con il centrocampista granata. Il Toro reclama il rigore. Che ci sarebbe anche potuto stare. Ma ho avuto l’impressione che Lukic fosse scattato in fuorigioco. L’arbitro fa riprendere la patrtita con una rimessa laterale per i viola. Al 37′ fallo si Lyanco su Vlahovic. Gillo per il giocatore del Torino.

TRAVERSA – Toro vicinissimo al gol al 39′: Lukic da destra per Belotti al centro che, di testa, serve Zaza. Tiro al volo di Zaza che colpisce l’incrocio dei pali alla destra di Dragowski. Chi ha sbagliato? Dormita di Pezzella e Martinez Quarta fin qui molto efficace. Il Toro prende coraggio, ma è la Fiorentina che finisce il primo tempo all’attacco: Ribery per Biraghi che crossa da sinistra, Bonaventura colpisce di testa in corsa, tiro murato da Lyanco, Ribery si precipita sul pallone e punta la rete, ma trova ancora il giovane Buongiorno, davvero bravo, che riesce ad allontanare. Che dire? Fiorentina aggressiva per venti minuti, poi Nicola ha letto bene la partita e ha preso le contromosse. In ogni caso, Torino assolutamente alla portata della Fiorentina, ma i viola dovrebbero essere più rapidi, veloci e non lasciarsi imporre il ritmo da un avversario che ha difficoltà abbastanza evidenti.

VAR – Nessun cambio in avvio di ripresa. Al 3′ grande intuizione di Ribery che lancia benissimo Vlahovic, bravo a tenere dietro Lyanco. Calcia bene e infila Sirigu in diagonale. Ma l’arbitro chiede il soccorso del Var. In effetti, nell’azione rallentata si vede Vlahovic più avanti dll’avversario. Almeno l’impressione, a caldo, è questa. Ma che peccato! All’8′ Quarta stende Lukic al limite sinistro dell’area. Punizione Toro. Batte Zaza: sulla barriera.

CASTROVILLI – Al 12′ occasione Torino: Belotti salta Quarta sulla destra, va al tiro dal limite: di poco sul fondo. Dragowski guarda il pallone con gli occhi sbarrati. Ma è andata bene. Altro rischio viola: Castrovilli frana su Lukic (13′) al limite dell’area. Di Bello estrae il giallo e concede la punizione dal limite. Il Var richiama l’arbitro. Che va al monitor: quando rientra cambia cartellino. Espulso Castrovilli. Fiorentina in dieci. Belotti non ha fortuna sulla punizione diretta. Prandelli cerca di tappare la falla a metà campo: inserisce Pulgar per Venuti. Il Toro conta di sfruttare la superiorità numerica. Nicola vuol dare più incisività alla sua squadra: toglier Linetty e inserisce Verdi.

RIBERY – Fiorentina pericolosa in ripartenza: Amrabat sbaglia clamorosamente la mira. Ma i viola insistono. Bella giocata di Bonaventura che serve in area l’accorrente Ribery, il quale aggira Sirigu e batte a rete. Inutile il tentativo di respinta di Singo. E’ gol. Fiorentina in vantaggio. Anche in dieci. E’ il primo centro stagionale di Franck.

MILENKOVIC – Un attimo dopo Milenkovic perde la tramontana. Dopo un contrasto con Belotti Milenkovic va a terra. Belotti gli si avvicina: Alzati, non ti ho fatto niente. Milenkovic gli va sul viso e lo colpisce, secondo me non con forza sulla fronte. Belotti va in terra. L’arbitro estrae il rosso per Milenkovic e il giallo per Belotti., Che disastro! Fiorentina in nove. Non caisco perchè un ragazzo sostanzialmente tranquillo ed ormai esperto come Nikola sia caduto in un trappolone del genere. Prandelli fa l’unica mssa possibile: toglie Ribery e manda in campo Igor. Nicola fa uscire Lyanco e Lukic per Murru e Baselli.

PRANDELLI – Ora la Fiorentina rischia l’assedio. Si stringe nel suo fortino. Al 34′ Singo arriva in zona tiro, nessuno lo contrasta, lui calcia sicuro e colpisce la traversa. Solo Vlahovic resta più avanti. Prandelli si agita in panchina e viene ammonito per proteste. Però fa due cambi: fuori Bonaventura e Vlahovic, in campo Eysseric e Kouamè. Che viene ammonito subito per fallo su Bongiorno.

BELOTTI – Picchia mena, il Toro pareggia al 43′: Pezzella si perde Belotti che sfrutta un cross di Verdi e la mette dentro con facilità. Uno a uno. Pezzella sembra frastornato e rischia addirittura l’autorete deviando in scivolata un cross da sinistra. Sette minuti di recupero. Per me decisamente troppi. Ovvia l’agitazione della Fiorentina: anche Amrabat finisce nel lungo elenco degli ammoniti. Finale angosciante. Fiorentina chiusa e Toro scatenato. Ma i viola pressano e, quando possono, tengono la palla. Kouamè è bravo a recuperare palloni. Gli ultimi secondi di partita sembrano non passare mai. Poi il fischio, lungo e liberatorio. Un pareggio con il cuore. Ma l’arbitro, secondo me ci ha messo del suo. Perchè Milenkovic espulso e Belotti no? Milenkovic ingenuo: non si deve cadere nelle provocazioni.

Torino (3-5-2) Fiorentina (5-5-2) 
Sirigu6Dragowski6,5
Bremer6Milenkovic4,5
Lyanco (nel st dal 30' Murru, 5,5)5,5Pezzella6
Buongiorno6,5Quarta6,5
Singo5,5Venuti (nel st dal 18' Pulgar, 6,5)6,5
Linetty (nel st dal 20' Verdi, 6)5,5Bonaventura (nel st dal 38' Eysseric, 6)7,5
Rincon6Amrabat7,5
Lukic (nel st dal 30' Baselli, 6)5,5Castrovilli 6
Ansaldi6Biraghi6
Zaza5Ribery (nel st dal 29' Igor, 6,5)7,5
Belotti6Vlahovic (nrl st dal 38' Kouamè, 6,5)7
All.: Davide Nicola5,5All.: Cesare Prandelli7
Arbitro: Di Bello di Brindisi4
Marcatori:nel st al 22' Ribery e al 43' Belotti
NoteEspulsi: Castrovilli e Milenkovic
Ammoniti: Lyanco, Belotti, Prandelli, Kouamè, Amrabat

 

 

Castrovilli, Fiorentina, Nicola, Prandelli, Ribery, torino


Sandro Bennucci

Direttore del Firenze Post
Scrivi al Direttore

Firenze Post è una testata on line edita da Toscana Comunicazione srl
Registro Operatori della Comunicazione n° 23080