Continuano le consultazioni

Governo: si a Draghi da Berlusconi, Zingaretti, Salvini e Grillo. Domani le parti sociali

ANSA/GIUSEPPE LAMI

ROMA .-Il sì a Draghi da Berlusconi, Zingaretti, Salvini e Grillo chiude il secondo giro di consultazioni del presidente incaricato. In tarda serata, dopo l’arrivo di Beppe Grillo alla Camera, spunta – secondo quanto si apprende da fonti non ufficiali del M5S, l’ipotesi del rinvio del voto degli iscritti su Rousseau.

Un rinvio del quale, tuttavia, non c’è ancora certezza ne verrebbe quantificata la durata. A tal proposito, spiegano le stesse fonti, è atteso un video di Beppe Grillo in cui l’ex comico potrebbe annunciare, motivandolo, in prima persona, il rinvio della scelta degli iscritti sul governo Draghi.

Domani alla Camera la sfilata delle parti sociali e, su Rousseau. Sulla strada del professore l’unico stop è di Fratelli d’Italia: ‘Ha detto no alla flat tax’, dice Meloni. Salvini invece conferma piena apertura, anche sul fisco: ‘Non aumenta le tasse. Chiediamo la pace fiscale’. Svolta della Lega anche al Parlamento europeo con il sì al Recovery. Credito senza condizioni da Berlusconi, al ritorno in prima persona alle consultazioni. Il Pd non pone veti: ‘La Lega? Il perimetro del governo lo decide Draghi’, dice Zingaretti.

draghi, Governo, parti sociali, si


Paolo Padoin

già Prefetto di Firenze
Mail

Firenze Post è una testata on line edita da Toscana Comunicazione srl
Registro Operatori della Comunicazione n° 23080