Provvedimento del governatore

Covid, Toscana metà rossa: nuova ordinanza di Giani. L’elenco dei comuni

Il presidente della Toscana, Eugenio Giani, mentre firma le ordinanze sulle zone rosse (Foto Toscana Notizie)

FIRENZE – In Toscana, alle zone rosse già esistenti, nelle province di Arezzo, Prato e Pistoia,  e confermate anche questa settimana si aggiungono la Versilia, il Valdarno inferiore e l’Empolese Valdelsa ed il grossetano. Il presidente Eugenio Giani le ha annunciate oggi, 20 marzo, dopo aver firmato le ordinanze, nel corso di una conferenza stampa insieme all’assessore al diritto alla salute Simone Bezzini. Giani ha anche annunciato di aver firmato un’altra ordinanza sulle seconde case che ne impedisce il raggiungimento da persone provenienti fuori regione fino al prossimo 11 aprile.

«Attualmente i contagi – ha detto Giani -, secondo i dati analizzati ieri, ci pongono al limite della zona rossa nazionale, con 246 contagi ogni 100 mila abitanti e un Rt di 1,09. Restiamo complessivamente arancioni ma le zone rosse a macchia di leopardo si ampliano, in quelle aree con maggiori criticità. L’elemento positivo riguarda i ricoveri che sono in calo: ieri erano -6 oggi sono -30. E calano anche le terapie intensive, altre 6 persone in meno oggi.

Le tre province con dati superiori sono le stesse già diventate rosse la scorsa settimana, ovvero Prato, Pistoia e Arezzo. «Seppur i dati che le interessano sono in miglioramento – ha aggiunto Giani – non sono tali da portare a una revoca del provvedimento. Vorrei ringraziare tutti sindaci con i quali mi sono intrattenuto ieri, per il clima di dialogo positivo e di collaborazione che si è creato.

Queste le altre tre aree diventate rosse.

 Versilia – Sette Comuni: Massarosa, Camaiore, Viareggio, Forte dei Marmi, Seravezza, Stazzema e Pietrasanta; con Viareggio e Seravezza che erano già rossi.

Valdarno Inferiore, Empolese Valdelsa – Questi i comuni interessati: Vinci, Certaldo, Castelfiorentino, Empoli, Montelupo Fiorentino, Cerreto Guidi, Montaione, Capraia e Limite, Gambassi Terme, Montespertoli, Barberino Tavarnelle e Fucecchio in provincia di Firenze; Santa Croce Sull’Arno, San Miniato, Castelfranco di Sotto e Montopoli in Val d’Arno in provincia di Pisa.

Grossetano – Con i Comuni di Grosseto, Scarlino, Arcidosso e Castel del Piano. A questi si aggiunge Piancastagnaio (provincia di Siena). A Santafiora un’ordinanza del sindaco chiuderà, sempre da lunedì, le scuole medie superiori dato che molti alunni vi affluiscono dai precedenti comuni.

Inoltre per il Comune di Casale Marittimo viene disposta la sospensione delle attività’ dei servizi educativi dell’infanzia e le attività scolastiche e didattiche delle scuole di ogni ordine e grado si svolgeranno con modalità a distanza. Fatta salva la possibilità di svolgere attività in presenza qualora sia necessario l’uso di laboratori o in ragione di mantenere una relazione educativa che realizzi l’effettiva inclusione scolastica degli alunni con disabilità e con bisogni educativi speciali.

«Poi – ha concluso Giani – ci sono anche una serie di provvedimenti che vengono presi dai sindaci che prevedono zone arancioni rafforzate, con provvedimenti più mirati che vanno dalla chiusura di scuole, parchi, impianti sportivi».

arezzo, comuni in zona rossa, covid, Empolese Valdelsa, grossetano, ordinanza di Giani, pistoia, prato, province, Toscana, Versilia


Ernesto Giusti


Firenze Post è una testata on line edita da Toscana Comunicazione srl
Registro Operatori della Comunicazione n° 23080