Aeroporto Firenze: Uil e Stella (FI) contro la proposta di Letta

FIRENZE – Mentre il Presidente Giani ha tentato di salvare in corner le affermazioni di Enrico Letta in merito agli aeroporti di Pisa e Firenze, il sindacato Uil e Marco Stella sparano a zero contro il nuovo segretario del Pd.

STELLA – «Sono basito per le parole espresse dal neo segretario del Pd, Enrico Letta, che pochi giorni dopo la sua nomina non trova di meglio che gettare un macigno sullo sviluppo dell’aeroporto di Firenze, invitando nei fatti la Regione Toscana a lasciar perdere la realizzazione della nuova pista dello scalo fiorentino, per concentrare risorse ed energie sulla realizzazione di una tav ferroviaria tra il capoluogo regionale e l’aeroporto di Pisa. Eppure ricordo che il governatore Eugenio Giani si è sempre battuto per il potenziamento dell’Amerigo Vespucci, ribadendolo anche in campagna elettorale. Un Pd spaccato su nodi infrastrutturali così importanti e decisivi per Firenze e per tutta la Toscana, non è davvero un bel segnale». Lo afferma il capogruppo di Forza Italia al Consiglio regionale della Toscana, Marco Stella. «Noi – spiega Stella – come Forza Italia siamo responsabili e coerenti con la nostra storia, che è sempre stata a sostegno di tutti gli aeroporti toscani. In questa legislatura dobbiamo concentrarci su uno sviluppo a 360 gradi delle infrastrutture. Noi sosteniamo la strategicità degli asset della Toscana, e quello aeroportuale è uno degli asset principali. Siamo per lo sviluppo integrale del sistema aeroportuale toscano e per lo sviluppo dell’aeroporto di Firenze. Quando lo scalo fiorentino sarà ammodernato e verrà realizzata la nuova pista – ricorda il capogruppo di Forza Italia – il numero dei passeggeri potrà raddoppiare e si genereranno fino a 5mila posti di lavoro. Un sistema aeroportuale funzionante significa sviluppare il nostro territorio e garantire l’arrivo di turisti e businessmen che altrimenti opteranno per scali di altre regioni vicine, in primis Bologna. Letta questo dovrebbe saperlo. Ci auguriamo che Giani ribadisca la posizione della sua Giunta, e che il Pd toscano sappia dimostrare autonomia, e difendere gli interessi di questa regione».

UIL – «Le parole di Enrico Letta sull’aeroporto di Firenze ci lasciano perplessi. E registriamo il fatto che ancora, dopo un dibattito che si trascina da decenni, siamo qui a rimettere tutto in discussione, perfino un progetto come quello della nuova pista dell’aeroporto di Firenze. Una polemica di cui non si sentiva certo il bisogno, tanto più che a farla è il segretario di un partito che ha sempre sostenuto lo sviluppo dello scalo fiorentino. La UIL Toscana e la Uiltrasporti Toscana non hanno cambiato idea». Queste le parole del Segretario Generale UIL Toscana, Annalisa Nocentini, e del Segretario Generale Uiltrasporti Toscana, Michele Panzieri, commentando l’intervista di Enrico Letta, Segretario del Pd, uscita ieri sul Tirreno.

«Noi siamo dalla parte della crescita, della salvaguardia dei posti di lavoro e della creazione di nuova occupazione. In poche parole noi sosteniamo il futuro della Toscana – spiegano ancora Nocentini e Panzieri – Non abbiamo mai avuto tentennamenti, né ripensamenti. E riproporre oggi uno schema di contrapposizione tra Firenze e Pisa ci pare francamente fuori dal tempo. Ricordiamo che il sistema aeroportuale toscano è un asset strategico per tutto il Paese, e rimettere in discussione oggi lo sviluppo di Firenze significa rimettere in discussione tutto il sistema, su cui la giunta regionale ha puntato in questi anni. Non si capisce perché oggi, che abbiamo un sistema aeroportuale in grado di competere con realtà più grandi e più organizzate, debba essere compromesso per precisa scelta politica. Restiamo convinti che sia meglio stare insieme in Seria A che giocare un derby in Serie B tra Pisa e Firenze. Un derby di Serie B che, tra l’altro, non converrebbe a nessuno, né dal punto di vista economico, né da quello occupazionale».

aeroporti, Firenze, Letta, pisa


Ezzelino da Montepulico


Firenze Post è una testata on line edita da Toscana Comunicazione srl
Registro Operatori della Comunicazione n° 23080