Giornata Mondiale del rifugiato, gli obiettivi dell’Uhncr

ROMA – Giornata mondiale del rifugiato 2021. La giornata celebrativa che ricorre il 20 giugno in tutto il mondo è stata istituita nel 2001 dall’UNCHR, l’Alto Commissariato delle Nazioni Unite per i rifugiati, per commemorare l’approvazione nel 1951 della Convenzione relativa allo statuto dei rifugiati da parte dell’ONU.

L’obiettivo di tale giornata è quello di favorire un momento di sensibilizzazione, informazione, confronto e dialogo per tutti coloro che sostengono i Diritti Umani e il diritto, per le persone che fuggono dalla guerra e dalle persecuzioni, di rifugiarsi nei Paesi garanti di democrazia e libertà. La convenzione celebrata il 20 giugno è un trattato multilaterale che nasce proprio per definire chi siano i rifugiati, i loro diritti e le responsabilità delle nazioni che offrono asilo.

La Protezione internazionale, infatti, tramite asilo politico, tutela tutte le persone che ottengono lo status giuridico di rifugiato. Sono circa 82 milioni le persone in fuga da guerre, persecuzioni e cambiamenti climatici. Si tratta di uomini, donne e bambini uomini che affidano il loro destino ai viaggi della speranza per ottenere protezione da un paese straniero.

Con la campagna Together we can do anything, “Insieme possiamo fare la differenza”, quest’anno l’UNCHR chiede la piena inclusione dei rifugiati in tutti gli ambiti della società perché questi ultimi di qualsiasi etnia essi siano, da qualunque paese provengano, hanno diritto a una vita dignitosa.

Il Presidente Sergio Mattarella ha dichiarato: «L’umanità che mostreremo nell’accogliere i profughi disperati, l’intelligenza con cui affronteremo i fenomeni migratori, la fermezza con cui combatteremo i trafficanti di esseri umani saranno il modo con il quale mostreremo al mondo la qualità della vita democratica».

obiettivi, rifugiato, unhcr


Ezzelino da Montepulico


Firenze Post è una testata on line edita da Toscana Comunicazione srl
Registro Operatori della Comunicazione n° 23080