Sanitari no vax: il Tar li obbliga a pagare le spese processuali. Lo fa sapere l’Asl Centro

FIRENZE – Non è andata bene ai sanitari no vax di fronte al Tar della Toscana: che ha accolto la rinuncia alla istanza sospensiva dei sanitari toscani non vaccinati presentata solo in sede di udienza ed ha condannato i ricorrenti al pagamento delle spese processuali. Lo fa sapere l’Asl Toscana Centro, spiegando che, di fatto, sono state accolte le richieste formulate dall’Azienda sanitaria sull’illegittimità ed infondatezza dell’istanza cautelare avanzata.

L’ordinanza del Tar è stata emessa ieri, 7 settembre 2021, spiega una nota, nel corso dell’udienza che si è tenuta alla presenza anche delle controparti, con le tre Aziende Asl della Toscana che si sono costituite in giudizio. L’udienza di merito al Tar è fissata per il 2 febbraio 2022. L’Azienda sanitaria sta andando avanti con le sospensioni dei sanitari per inosservanza all’obbligo vaccinale.

Secondo l’Asl Toscana centro non sussistevano i presupposti per sospendere gli atti impugnati, non trattandosi di atti lesivi dei loro diritti ma semplicemente delle note con cui la Asl li invitava a comunicare lo stato vaccinale. Per questo in aula le difese delle Aziende hanno ribadito l’insussistenza di tali presupposti per concedere la sospensione, chiedendo al contempo la condanna dei ricorrenti al pagamento delle spese processuali della fase cautelare».

«Una biasimevole condotta processuale – aggiunge l’azienda – ha comportato un inutile dispendio di tempo e denaro pubblico per le Aziende sanitarie toscane resistenti, impegnate nel mese scorso a predisporre le memorie difensive e gli atti processuali necessari per la fase cautelare».

Asl Toscana Centro, sanitari no vax, tar


Ernesto Giusti


Firenze Post è una testata on line edita da Toscana Comunicazione srl
Registro Operatori della Comunicazione n° 23080