Gemelli di 23 anni cambiano sesso lo stesso giorno: da Giulio e Guido a Giulia e Gaia

Una sala operatoria

FIRENZE – Sono gemelli e quando nacquero vennero chiamati Giulio e Guido. A 18 anni diventarono Giulia e Gaia. E oggi, 14 ottobre 2021, nel giorno del 23esimo compleanno, cambieranno sesso nello stesso giorno, in due sedute operatorie consecutive all’ospedale fiorentino di Careggi. D’ora in poi non più gemelli ma gemelle a tutti gli effetti. A riportare la notizia il quotidiano Qn-La Nazione spiegando che si tratta del primo caso in italia di due gemelle transgender che cambiano sesso dopo il primo al mondo reso noto il 24 febbraio scorso in Brasile quando le diciannovenni transgender Mayla Phoebe Rezende e Sofia Albuquerck Fereira completarono il percorso con l’intervento, eseguito una a distanza di pochi giorni dall’altra.

L’intervento per Giulia e Gaia, si spiega, è particolarmente delicato perché le due pazienti soffrono di una forma di coagulopatia che le espone a un maggior rischio di sanguinamento. A operarle l’équipe guidata da Marco Carini, di cui fa parte il chirurgo Andrea Cocci a cui le due pazienti, riferisce sempre il giornale, hanno raccontato: «Siamo nate in corpi maschili ma entrambe ci siamo sentite femmine da sempre, da quando abbiamo ricordi. È una giornata da festeggiare – hanno sempre spiegato Giulia e Gaia nel corso dei colloqui preoperatori -. Abbiamo fatto una scelta molto libera, la nostra famiglia ci ha supportato in questo nostro progetto, poi essendo gemelle ci siamo sempre aiutate e fatte forza a vicenda».

«Si sentono donne da sempre, però hanno iniziato il loro percorso, come legge prevede, dai diciotto anni – ha spiegato Cocci -: prima con la terapia ormonale e dopo avere avuto l’autorizzazione dal giudice si sono messe in lista operatoria».

chirurgo Andrea Cocci, gemelli diventano gemelle, Giulia e Gaia, Giulio e Guido, m Careggi


Gilda Giusti

Redazione Firenze Post

Firenze Post è una testata on line edita da Toscana Comunicazione srl
Registro Operatori della Comunicazione n° 23080