Skip to main content

Firenze: poliziotto salva una ragazza finita in Arno per riprendere il cane

FIRENZE – Ventitreenne di Scandicci salvata da un poliziotto mentre cercava di riprendere il cane finito in Arno. La ragazza camminava con il proprio cane lungo la passeggiata delle Cascine oltre il Ponte all’Indiano quando, improvvisamente, il cane si è gettato in Arno e ha iniziato ad annaspare senza riuscire a tornare a riva. La ragazza si è subito tuffata in acqua per salvarlo, ma dopo averlo raggiunto e preso in braccio, anche a causa del fondo melmoso del fiume, è rimasta bloccata senza riuscire più a tornare sulla sponda.

Davanti a lei, la madre, che ha chiesto immediato soccorso, alle volanti della Questura, ai vigili del fuoco e al 118 nonostante le difficoltà di indicare l’esatto punto in cui si trovavano. In quel momento passava un poliziotto libero dal servizio, che stava facendo un giro con la sua bicicletta: ha sentito la voce concitata della donna e, senza perdere tempo, si è adoperato per dare soccorso alla ragazza in difficoltà. Con un altro uomo, un pescatore di origine romena, ha imbastito una sorta di catena umana, riuscendo, di lì a poco, a portare in salvo sia la ragazza che il cane.

Poco dopo sono giunte anche le volanti della Questura, i vigili del fuoco e i soccorritori del 118 ma la giovane, dopo i primi soccorsi, ha preferito tornare a casa con i genitori, piuttosto che essere accompagnata al pronto soccorso. Il poliziotto, Assistente Capo della Polizia di Stato, in servizio alla giudiziaria della Polizia Stradale, dopo essersi assicurato dello stato di salute della ragazza e aver ringraziato per l’importante aiuto il pescatore, ha ripreso la sua passeggiata in bicicletta.

arno, cane, pescatore, poliziotto, ragazza


Ernesto Giusti


Firenze Post è una testata on line edita da C.A.T. - Confesercenti Toscana S.R.L.
Registro Operatori della Comunicazione n° 39741