Firenze: murale dedicato ad Anna Frank, simbolo della Shoah

FIRENZE – Firenze ha deciso di celebrare Anna Frank e commemorare la Giornata della memoria con un murale dedicato alla giovane ebrea tedesca, divenuta un simbolo della Shoah per il suo diario. L’opera è stata inaugurata alla scuola che porta il nome della stessa Anna Frank nel campo di concentramento di Bergen-Belsene e che ha lasciato in eredità al mondo il famoso diario.

All’inaugurazione erano presenti tra gli altri gli assessori all’Educazione Sara Funaro, alle Politiche giovanili Cosimo Guccione e alla Memoria Alessandro Martini, il presidente del Quartiere 4 Mirko Dormentoni, il presidente della commissione Politiche giovanili Marco Burgassi, il presidente della Comunità ebraica Enrico Fink, e la dirigente scolastica Flora Bottino.

«Questo murale, nato da un percorso partecipato che ha visto protagonisti studenti di età diverse, è un’opera d’arte – ha detto l’assessore all’Educazione Sara Funaro -. Ci invita, tutte le volte che lo vedremo, a tenere alta l’attenzione sulla Shoah e a non dimenticare le sofferenze e gli orrori che ha causato. In questi giorni, in cui assistiamo all’uso strumentale dei simboli nazifascisti e a episodi gravi di offese e aggressioni agli ebrei, sto pensando a quello che è accaduto a Campiglia Marittima, c’è bisogno di non dimenticare le pagine buie della nostra storia».

«Siamo profondamente convinti – ha concluso l’assessore Funaro – che bisogna lavorare per sensibilizzare i cittadini e che dobbiamo partire proprio dalla scuola. È necessario lavorare quotidianamente sulle scuole per fare in modo che la nostra memoria rimanga viva. Il murale non è solo un’opera che servirà per il futuro, a tramandare la memoria di Anna FRANK e della Shoah, ma è frutto di un lavoro che ha coinvolto i giovani anche nell’ideazione – ha sottolineato l’assessore alle Politiche giovanili Cosimo Guccione – questa opera, realizzata da un gruppo di studenti del liceo artistico di Porta Romana, servirà sicuramente a fare riscoprire il messaggio di Anna soprattutto ai più giovani. Che magari, dopo aver visto questa opera, decideranno di leggere il suo Diario».

Anna Frank, diario, Firenze, Giornata della Memoria, murale


Ernesto Giusti


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.

Firenze Post è una testata on line edita da Toscana Comunicazione srl
Registro Operatori della Comunicazione n° 23080