Skip to main content

Luc Montagnier è morto, lo conferma il giornale Libération

ANSA/MOURAD BALTI TOUATI

PARIGI – E’ morto a Neuilly-sur-Seine, alle porte di Parigi, il professor Luc Montagnier, premio Nobel per i suoi studi sull’Aids, diventato negli ultimi anni un riferimento dei no vax. La notizia circolava da ieri sera sui social. Oggi l’ha confermata il quotidiano Libération: Montagnier aveva 89 anni. Nonostante la sua fama, negli anni il virologo era stato oggetto di attacchi e pesanti scontri all’interno della comunità
scientifica. Come quando nel 2000 indicò l’uso della papaia fermentata per il trattamento del morbo di Parkinson. Tra le tesi più controverse quella secondo cui i disturbi dello spettro autistico sarebbero di origine batterica e potrebbero essere trattati con antibiotici. Nel 2017 ha avanzato diverse tesi no-vax, individuando una correlazione tra la vaccinazione e la sindrome della morte improvvisa del lattante. Ancora più note le sue tesi espresse con la pandemia da Covid, con la netta opposizione alla vaccinazione, considerata pericolosa.


Paolo Padoin

Già Prefetto di FirenzeMail

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Firenze Post è una testata on line edita da C.A.T. - Confesercenti Toscana S.R.L.
Registro Operatori della Comunicazione n° 39741