Skip to main content

Tramvie Firenze: sindacato Fit-Cisl critica sistema cittadino progettato dal comune

FIRENZE – “La realizzazione del sistema tramviario di Firenze va avanti, ma il disegno che ne viene fuori
presenta più di una criticità: dalla riproposizione del vecchio sistema a raggiera, allo spezzettamento di linee, alla concentrazione di binari in piazza Libertà, che rischia di diventare un tappo invalicabile per il traffico privato che, per quanto ridotto, non può essere eliminato del tutto. Prima che sia troppo tardi, occorre domandarsi se la soluzione a cui si sta lavorando è la migliore per i cittadini e occorre farlo coinvolgendo quei soggetti, come sindacati e lavoratori, che finora sono stati esclusi”. E’ il senso della
riflessione ‘a voce alta’ che la Fit, il sindacato del settore trasporti della Cisl, della Toscana affida alla città e alle sue istituzioni.
“Siamo sempre stati favorevoli alla realizzazione di un sistema tramviario – premette la Fit – Ci sembra però che i progetti commissionati dal Comune di Firenze, a partire dalla linea 1 Scandicci-Stazione-Careggi, la linea 2 Stazione-Aeroporto, la linea 3 Libertà-Bagno a Ripoli, nonché quella appunto che da piazza della Libertà va in direzione Campo Marte-Rovezzano e anche la linea 4 Firenze-Le Piagge/Campi e le varie propaggini ipotizzate, siano tutti collegati dallo stesso denominatore comune: individuare delle zone limitrofe alla città di Firenze abbastanza popolose e collegarle con il cuore del commercio e delle botteghe che animano il centro fiorentino”.
“Una prospettiva che, ci sembra, non guarda al futuro della città, ma semplicemente all’oggi, in cui non si è pensato ad esempio a mettere in rete le periferie, collegandole fra loro per creare un ”centro cittadino allargato”, dove i viaggiatori si possono muovere ‘senza capolinea’, per lo shopping, per studiare, per lavorare etc.

Forse il nostro scritto giunge in ritardo, ma ciò è dettato dal fatto che non c’è stata una interlocuzione costruttiva e continua con l’amministrazione comunale di Firenze, dove, a parte i sindaci periferici che sono stati attori principali, non sono stati coinvolti né la società civile, né il sindacato né i lavoratori. Sono
queste le uniche opzioni possibili? Si può fare diversamente? Se ne avessimo avuto l’opportunità, come Fit-Cisl avremmo proposto, sostenuti anche sul piano tecnico da mezzi che erogano il servizio senza l’ausilio della linea aerea di alimentazione, che forse non era necessario realizzare il tratto di linea tranviaria di viale Lavagnini, né l’altro che passerà da via Lamarmora; bastava restare al tracciato originario, facendo proseguire la linea che si attesta in piazza dell’Unità su via Cerretani, passando vicino al Battistero, svoltando in via Martelli, raggiungendo piazza della Libertà e proseguendo per Bagno a Ripoli. Un tracciato più lineare e con due periferie collegate tra di loro e con il centro di Firenze. Minori
sarebbero state le rotaie da posare, con meno costi, tempi più veloci, meno impatto dei cantieri e maggiore efficienza per i cittadini; con i tracciati che si stanno realizzando infatti chi da Bagno a Ripoli o da Rovezzano vuole andare all’ospedale di Careggi deve cambiare due volte; tre se vuole raggiungere l’aeroporto; solo perché si è cancellato il passaggio dal centro. E sarebbe stato anche meno impattante sul traffico in piazza della Libertà, dove si concentreranno tante linee sollevando dubbi sulla sostenibilità per il traffico automobilistico che non deve essere bandito e demonizzato”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Firenze Post è una testata on line edita da C.A.T. - Confesercenti Toscana S.R.L.
Registro Operatori della Comunicazione n° 39741