Schedatura dei novax over50: multe ancora non partono, procedura complicata, manca ok garante privacy

Conferenza Stampa Pres. Draghi

ROMA – Nonostante gli annunci, le minacce, gli avvertimenti del governo, e in particolare del ministro Speranza, la schedatura e le multe per i Novax over50 che non hanno adempiuto all’obbligo vaccinale imposto da Draghi non sono partite e non dovrebbero partire per intralci burocratici che potevano ampiamente essere previsti. ma la fretta di imporre la vaccinazione ai renitenti era tale che il governo è partito praticamente al buio e ancora arranca per la pratica attuazione delle procedure.

A bloccare il meccanismo è la mancanza dell’elenco di chi andrebbe multato. Il Garante della privacy, infatti, non ha ancora valutato se è legittimo che questi elenchi di No Vax possano essere resi accessibili ad altri soggetti. E così, Sogei, la società informatica che ha il compito di incrociare i dati e inviare l’elenco al ministero della Salute, non si è mossa. Senza l’elenco di chi non si è vaccinato l’Agenzia delle Entrate, deputata ad irrogare la multa da 100 euro, non può fare nulla.

L’iter burocratico, una volta partito, sarebbe comunque lungo: prima della sanzione, l’Agenzia invia un avvertimento, che dà 10 giorni di tempo al cittadino per mostrare eventuali giustificazioni alla sua non vaccinazione; solo in seguito parte la multa vera e propria. Il destinatario, però, ha il diritto di fare ricorso, allungando così i tempi del pagamento. Alla luce di tutto questo, se nelle prossime settimane il nodo privacy verrà sciolto e tutto l’iter burocratico riuscirà a mettersi in modo, è decisamente realistico immaginare che molte multe potranno arrivare ai destinatari quando il termine dell’obbligo vaccinale per i lavoratori over 50 che devono accedere ai luoghi di lavoro sarà venuto meno, oltre il 15 giugno, Ennesimo flop dell’organizzazione governativa, Speranza rifletta.

flop, Governo, multe, novax


Paolo Padoin

Già Prefetto di Firenze Mail

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.

Firenze Post è una testata on line edita da Toscana Comunicazione srl
Registro Operatori della Comunicazione n° 23080