Montemurlo (PO): morte Luana d’Orazio. La madre “chiedo giustizia perché non succeda ad altri”

Luana D’Orazio (foto dal suo profilo social)

MONTEMURLO (PO) – “Luana aveva 22 anni, nessuno deve morire in quel modo. E’ stata la vittima 185 del
2021 che si e’ chiuso con 1.404 morti. Cerco solo giustizia in modo che non accada ad altri.” Cosi’ a ‘Che giorno e” su Rai Radio1, Emma Marrazzo, mamma di Luana D’Orazio, la 22enne, a sua volta madre di un bimbo, morta il 3 maggio scorso nell’azienda tessile di Montemurlo dove lavorava.
“Mancavano tutte” le protezioni “come dice la perizia – ha detto la madre di Luana -. Le leggi ci sono, vanno applicate, come dico da sempre, vanno date anche delle divise, devono indossare qualcosa che le protegga e che non vengano disattivate” le protezioni “purtroppo. Perche’ a morire come e’ morta mia figlia nel 2021, aveva 22 anni, credetemi, nessuno deve morire in quel modo”. “Io ho visto tutto, ho visto le foto e la scena come e’ potuta accadere, non va bene – prosegue Emma Marrazzo -. E poi non devono essere lasciate da sole oppure con accanto altri apprendisti. Li’ ci vuole un tutor che le segua.
Ancora oggi mi viene detto che purtroppo nelle aziende e’ sempre stato cosi’, ma non deve essere cosi’. Io capisco anche i piccoli imprenditori che devono andare di pari passo con le grandi aziende, pero’ non levando a discapito di vite umane”.
“Luana era una mamma. Come diceva il suo bimbo ‘una mamma splendida’. Purtroppo, hanno spezzato tanti cuori, non solo il mio”. “Luana – ricorda ancora – era una piccola grande donna. Quando ha cominciato a lavorare era molto giovane. Se doveva andare a ballare, ci andava, ma quando combaciava con il giorno di riposo. E aveva solo 17 anni all’epoca. Era molto responsabile. Non era solo bella, c’era tanto in quella piccola ragazza. Rispettava tutti, amava tutti. Si faceva in quattro e non diceva mai di no. Nemmeno sul lavoro. Ha rinunciato a tutti i suoi sogni per dire: ‘Mamma, ho un posto sicuro, ho una paga
sicura. La paga sicura c’era. Ma il posto sicuro no”.

giustizia, Luana D'Orazio, madre, prato

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.

Firenze Post è una testata on line edita da Toscana Comunicazione srl
Registro Operatori della Comunicazione n° 23080