Città metropolitana Firenze: neve e freddo. Centrodestra invita i sindaci a sospendere ordinanza fine riscaldamento nelle case

ANSA / CLAUDIO GIOVANNINI

FIRENZE – Neve in Toscana nella notte fra venmerdì 1 e sabato 2 aprile. Ed è polemica sukka decisione di spegnere i riscaldamenti vista l’ondata di clima gelido e neve che consiglia prudenza per la salute dei cittadini, che non possono restare al freddo, soprattutto anziani e bambini.

Lo sottolinea il centrodestra fiorentino: “Lo stop dei riscaldamenti con 15 giorni di anticipo su diverse zone del territorio della Città Metropolitana di Firenze, così come disposto da diversi Sindaci dell’area metropolitana, “non ha senso – e dico purtroppo- con l’attuale situazione meteorologica considerando che nevica ed è nevicato, in alcuni comuni dove era stata emessa l’ ordinanza di chiusura degli impianti termici. Le temperature, purtroppo, non sono certo primaverili”, dichiara Cecilia Cappelleti, consigliera metropolitana della Lega nel Centrodestra. In questo contesto “le famiglie con anziani e bambini saranno costrette, se li hanno, ad accendere stufe e condizionatori. Con buona pace del risparmio energetico che non solo non ci sarà, ma ciò comporterà un aumento dei costi per le forniture. Che i Sindaci quindi, revochino subito le ordinanze di chiusura anticipate dei riscaldamenti per le famiglie.”

cima, freddo, ordinanze, riscaldamento, sindaci

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.

Firenze Post è una testata on line edita da Toscana Comunicazione srl
Registro Operatori della Comunicazione n° 23080