E' la prima telefonata dall'inizio della guerra

Pentagono chiama Mosca: “Cessate il fuoco”. I russi si ritirano da Kharkiv. E si parla di nuovo di Putin malato

KIEV – “Ora basta, trattiamo”. Il ministro della Difesa Usa Austin ha avuto un colloquio telefonico con il collega russo Shoigu chiedendo un rapido cessate il fuoco e sottolineando l’importanza di preservare canali di comunicazione. Si tratta della prima chiamata dall’inizio della guerra.

Mosca sta ritirando i propri soldati dai dintorni di Kharkiv, la seconda città dell’Ucraina, dove sta perdendo terreno. Kiev afferma che che più di 210.000 bambini ucraini sono stati deportati dai russi. Facevano parte degli 1,2 milioni di ucraini che Kiev afferma siano stati portati via con la forza. L’Ue ha chiarito che continuerà a supportare militarmente l’Ucraina finché sarà necessario e sarà richiesto.
Intanto da Erdogan arriva il ‘no’ all’ingresso di Svezia e Finlandia nella Nato ed adesso i leader dei due Paesi vogliono discutere con la Turchia della loro adesione all’Alleanza domani a Berlino, durante la riunione dei ministri degli Esteri della Nato. Erdogan ha definito ‘un errore’ l’ingresso di Finlandia e Svezia nell’Alleanza, per il quale è necessaria l’unanimità dei paesi membri. Il presidente americano Joe Biden ha parlato oggi con il premier svedese e il presidente finlandese, dando il proprio sostegno al loro ingresso. 

“Il presidente Vladimir Putin è gravemente malato di cancro e in Russia è già in corso un golpe per rimuoverlo”, sostiene il capo degli 007 ucraini, il generale maggiore Kyrylo Budanov, in un’intervista a Sky News, senza però fornire alcun dettaglio o prova delle sue affermazioni.

La mappa del conflitto

E dalla Russia arriva la notizia che da domani, 14 maggio 2022, verranno sospese le forniture di elettricità alla Finlandia. L’operatore della rete elettrica finlandese ha assicurato di poter fare a meno delle importazioni di energia dalla Russia, sospese da domani per bollette non pagate. “Eravamo preparati per questo e non sarà difficile. Possiamo gestire un po’ più di importazioni dalla Svezia e dalla Norvegia”, ha detto all’AFP Timo Kaukonen, un responsabile delle operazioni per l’operatore Fingrid, in una fase di tensione con Mosca per i piani di Helsinki di aderire alla Nato.

erdogan, Kharkiv, Mosca, pentagono, putin, Russia, Ucraina


Sandro Bennucci

Direttore del Firenze Post
Scrivi al Direttore

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.

Firenze Post è una testata on line edita da Toscana Comunicazione srl
Registro Operatori della Comunicazione n° 23080