Skip to main content

Armi all’Ucraina: Pd, Lega e M5S affilano le lame in vista delle comunicazioni di Draghi

ROMA – “Spero che il presidente Draghi, quando verrà in Parlamento, porti parole di distensione, di dialogo e di disarmo. Lavoriamo affinché il governo porti in Parlamento parole di dialogo”. Matteo Salvini non cede sul punto e le parole del leader della Lega confermano che la gestione della guerra in Ucraina continua ad agitare la maggioranza, dove le distanze tra Lega e Pd si concentrano sulle modalità del sostegno a Kiev, a cominciare dall’invio di armi, mentre dentro M5s resta il doppio binario tra l’ala ‘governista’ e quella di Giuseppe Conte.

La data segnata in rosso sulle agende resta il 21 giugno, quando il presidente del Consiglio tornerà in Parlamento per le sue comunicazioni alla viglia del Consiglio europeo. “Chi si appresta a contestare la linea del presidente Draghi il 21 giugno, contesta la linea dell’Ue”, avverte il senatore Pd Andrea Marcucci.
Luigi Di Maio conferma che “sto agendo come ministro degli Esteri sulla base di una risoluzione che ha votato il Parlamento ed e’ stata votata da quasi tutti i partiti in Parlamento, non solo quelli della maggioranza, ma anche alcuni di opposizione”.

Giuseppe Conte assicura che “non mi risulta che ci sia alcuno scontro con Di Maio, non ho mai avvertito negli incontri con lui che abbia una linea diversa da quella del Movimento”. Dunque, ribadisce l’ex presidente del Consiglio “affronteremo la risoluzione del 21 giugno in modo sereno. Speriamo che sia appoggiata da tutta la maggioranza, dall’opposizione, e da tutto il Parlamento”.

A sollevare nuove tensioni c’è anche il nodo delle ‘liste di proscrizione’, con il leader della Lega che paventa un ritorno “agli anni bui del nostro Paese”. “Un conto è la libertà di opinione, un conto è mettere nomi cognomi e facce di persone sgradite sui giornali”, denuncia Salvini che respinge tentativi di additare “nemici del popolo”. “Lo faceva qualcuno negli anni Venti del secolo scorso e non è finita bene”, incalza.

armi, draghi, maggioranza, Ucraina


Ezzelino da Montepulico


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


Firenze Post è una testata on line edita da C.A.T. - Confesercenti Toscana S.R.L.
Registro Operatori della Comunicazione n° 39741