Skip to main content

Landini attacca il governo: basta con i bonus, aumentare pensioni e salari

Il segretario Cgil Maurizio Landini, ANSA/GIUSEPPE LAMI

ROMA – Il segretario della Cgil Maurizio Landini torna all’attacco di Draghi e del suo governo. “Basta con gli interventi una tantum come i 200 euro che andranno nelle buste paga di luglio per chi guadagna fino a 35 mila euro. Questo governo continua a non capire che le persone non arrivano alla fine del mese. La
situazione sociale sta diventando esplosiva. Servirebbero 200 euro al mese!”.

“Questo e’ il momento di fare scelte strutturali per aumentare i salari e le pensioni a partire da quelli più bassi – sottolinea Landini – . Si deve tagliare strutturalmente il carico fiscale su lavoratori e pensionati che sono anche coloro che in questo Paese pagano le tasse”. Il governo ha già ridotto le tasse rimodulando le aliquote fiscali con l’ultima legge di Bilancio, ora si prospetta un nuovo intervento per tagliare il cuneo fiscale. “Contro quelle misure fiscali la Cgil insieme alla Uil ha scioperato. La situazione attuale dimostra che avevamo ragione. L’intervento del governo ha, nei fatti, finito per favorire i redditi più alti, quando l’80% dei lavoratori sta sotto i 30 mila euro – precisa il segretario -. L’inflazione è una tassa occulta che colpisce chi guadagna meno e ora sono tanti i lavoratori e i pensionati che non arrivano a fine mese.
Siamo in emergenza ed è bene che il governo lo capisca”.

Landini, m governo, pensioni, salari


Ezzelino da Montepulico


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


Firenze Post è una testata on line edita da C.A.T. - Confesercenti Toscana S.R.L.
Registro Operatori della Comunicazione n° 39741