Lavoro: posti a chiamata in forte aumento (+168%) in alberghi e ristoranti

ROMA – Nonostante il disastro causato, per le chiamate al lavoro, dal reddito di cittadinanza grillino, nel primo trimestre 2022 le posizioni di lavoro a chiamata o intermittenti sono 228 mila unita’, con una crescita dell’86,7% rispetto all’anno precedente e pesano per l’1,7% dell’occupazione complessiva.

Una quota che sale al 10% in alberghi e ristoranti ed e’ raddoppiata nell’ultimo anno.
Le posizioni a chiamata crescono, del resto, “in misura rilevante” in tutti i settori, ma l’incremento e’ particolarmente accentuato nel settore degli alberghi e ristoranti, dove la crescita supera il 168%, dopo il crollo nelle fasi piu’ acute della pandemia. Aumenti “marcati” si registrano anche nei servizi sociali e personali, con una crescita tendenziale del 73,1%.

In alberghi e ristoranti, l’aumento dell’occupazione a chiamata si associa a quello delle ore di lavoro pro-capite (+22,8% rispetto allo stesso trimestre dell’anno precedente), che tuttavia rimangono ben al di sotto della media registrata per questa tipologia contrattuale (7,8 in media settimanale).

alberghi, chiamata, Lavoro, posti, ristoranti


Ezzelino da Montepulico


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.

Firenze Post è una testata on line edita da Toscana Comunicazione srl
Registro Operatori della Comunicazione n° 23080