Skip to main content

Inflazione: impatto anche su mutui e risparmi. Si salvano solo pensioni e tfr

Borsa della spesa leggera e conto stratosferico per le nostre abitudini, nei negozi e nei supermercati. Ma l’onda lunga dell’aumento generalizzato dei prezzi, che fa perdere valore ai nostri generalmente bassi redditi, si scarica anche sulla finanza, sui risparmi e sui mutui. Sul fronte del salari poi rimane il nodo dei rinnovi contrattuali, mentre pensioni e Tfr registrato un adeguamento quasi automatico e completo. I mercati guardano all’inflazione e si muovono sulle aspettative, anticipando le possibili mosse future delle banche centrali, che per frenare i prezzi aumenteranno sicuramente i tassi.

MUTUI – Questo meccanismo ha già avuto conseguenze sui mutui – con rialzo dei tassi di 1,5/2,0 punti percentuali – e sui risparmi. Ma vediamo come. – I MUTUI: Ovviamente l’impatto dell’inflazione, e l’aumento dei tassi, avrà un impatto differenziato a seconda del tipo di mutuo. Ne risentiranno i mutui a tasso variabile, legati all’Euribor: ad inizio anno questo tasso di riferimento aveva un andamento negativo (-0,5 quello a dodici mesi del 3 gennaio) mentre a fine giugno si attestava a 1,04%): è aumentato di oltre un punto e mezzo. Nessun cambiamento, chiaramente, c’è per i vecchi mutui a tasso fisso. Ma attenzione, chi deve stipulare ora un nuovo mutuo non dia per scontato che quello a tasso fisso sia migliore. Per questa tipologia di mutui il tasso di riferimento si chiama Eurirs o Irs: quello sui mutui ventennali è passato dallo 0,60 di inizio anno al 2,41 del 29 giugno. Come dire, il mercato si è già ampiamente adeguato agli aumenti dei tassi che si attendono.

RISPARMI – L’inflazione non solo significa aumento dei prezzi, ma anche svalutazione del nostro potere d’acquisto. I soldi lasciati sul conto o tenuti sotto il mattone perdono valore. Ma anche quelli investiti devono produrre guadagni, mentre invece i mercati azionari sono in decisa flessione e quelli obbligazionari sono appesantiti dal fatto che l’aumento dei tassi li svaluterà. Il consiglio è avere pazienza e aspettare il recupero, che ci sarà.

TITOLI DI STATO – I titoli di Stato, in genere, sono caratterizzati dalla salvaguardia del capitale ‘alla scadenza’ e da una cedola (il rendimento solitamente semestrale). Se sono in arrivo aumenti dei tassi, la cedola non si adegua e rimane bassa rispetto al mercato: quindi il capitale investito perde valore, ma questo solo se vogliamo smobilizzare l’investimento in anticipo. Comunque l’ultimo Btp offerto dal Tesoro, il Btp Italia ha garantito una cedola minima dell’1,6% ma anche un adeguamento semestrale al tasso di inflazione italiano, oltre ad un doppio premio di fedeltà a chi mantiene il titolo fino alla scadenza del 2030.

SALARI E RINNOVI – Con l’inflazione all’8% i salari perdono valore. Il dibattito sull’adeguamento con la contrattazione dei rinnovi è caldissimo e si scalderà ancora di più in autunno. Attualmente il riferimento per l’adeguamento è l’Ipca (l’indice dei prezzi al consumo armonizzato a livello europeo), che nelle ultime rilevazioni Istat era all’8,5%, che però va calcolato al netto dei prezzi dei beni energetici importati. Chiaramente poiché gran parte dell’inflazione deriva ora proprio dal costo del gas e del petrolio importato, i sindacati non ritengono questo un parametro adeguato. Le imprese temono invece che aumenti salariali, in un momento di difficoltà produttiva, possano estendere la crisi. La soluzione proposta è la riduzione del cuneo fiscale, cioè della differenza tra il salario netto, che arriva in tasca al lavoratore, e il salario lordo che paga il datore di lavoro con tasse e contributi. Significa meno tasse e quindi servono risorse pubbliche.

PENSIONI E TFR AL SICURO – Per le pensioni da quest’anno è stato reintrodotta l’indicizzazione. I pensionati che ricevono un assegno fino a 4 volte l’assegno sociale (quindi fino a circa 2.000 euro) avranno una rivalutazione piena, quelli tra 4 e 5 volte il 90%, oltre questa soglia il 75%. Va bene anche per la rivalutazione del Tfr accantonato che, in base alle attuali regole si rivaluta dell’1,5 annuale più il 75% dell’indice dei prezzi al consumo dell’anno precedente, un valore che quest’anno è dell’1,9% in base al dato di dicembre ma che il prossimo anno sarà decisamente più alto.

inflazione, mutui, pensioni, risparmi, Tfr


Sandro Bennucci

Direttore del Firenze Post Scrivi al Direttore

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


Firenze Post è una testata on line edita da C.A.T. - Confesercenti Toscana S.R.L.
Registro Operatori della Comunicazione n° 39741