Skip to main content

Biden: esulta per la tregua a Gaza, ma invia un miliardo di armi all’Ucraina

(HIMARS) EPA/TOMS KALNINS

WASHINGTON – Il Pentagono ha annunciato l’invio di ulteriori aiuti militari all’Ucraina per il valore di un miliardo di dollari. Il nuovo pacchetto contiene altri sistemi missilistici Himars, un armamento che ha fatto la differenza nelle recenti battaglie contro i russi, missili terra-aria, dispositivi anticarro Javelin e munizioni varie.

Si tratta del diciottesimo provvedimento dell’amministrazione Biden in questo senso e, riporta il dipartimento della Difesa, rappresenta il “piu’ grande invio singolo di armi e equipaggiamento militare”.
Nel pacchetto di aiuti sono inclusi i sistemi mobili di artiglieria ‘Himars’; 75 mila munizioni di artiglieria; sistemi missilistici terra-aria; mille Javelin, le armi portatili anti-carro; 50 veicoli blindati, oltre a equipaggiamento militare e medico formato da kit per le emergenze, bende e monitor. Con questo stanziamento, sale a 9,8 miliardi di dollari la cifra degli aiuti inviati all’Ucraina dall’inizio del mandato dell’amministrazione Biden.

“Accolgo con favore l’annuncio stasera di un cessate il fuoco tra Israele e i miliziani a Gaza dopo tre giorni di ostilità”. A dichiararlo nella notte è stato il presidente americano Joe Biden. “In queste ultime 72 ore – ha proseguito – gli Stati Uniti hanno lavorato con funzionari di Israele, Autorità Palestinese, Egitto, Qatar, Giordania ed altri in tutta la regione per incoraggiare una rapida risoluzione del conflitto.
Ringrazio il presidente Abdel Fattah Al Sisi e gli alti funzionari egiziani che hanno svolto un ruolo centrale in questo sforzo diplomatico, nonché l’emiro Tamim Bin Hamad Al Thani del Qatar e il suo team per aver contribuito a porre fine a queste ostilità”.

Dunque il bellicoso presidente dem da un lato si felicita per il cessate il fuoco concordato fra la jihad e i suoi alleati israeliani, dall’altro aumenta la potenza di fuoco dell’Ucraina, riempie di armi micidiali Zelensky per colpire anche il territorio russo e alimenta la tensione con Cina e Corea del Nord.


Paolo Padoin

Già Prefetto di FirenzeMail

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Firenze Post è una testata on line edita da C.A.T. - Confesercenti Toscana S.R.L.
Registro Operatori della Comunicazione n° 39741