Il tema controverso da sempre

Centrali nucleari: i verdi svelano una loro mappa su quelle che si vorrebbero costruire in Italia

ROMA – In questa campagna elettorale qualche partito e movimento si arrischiano a proporre la costruzione anche in Italia di centrali nucleari per ridurre la nostra dipendenza energetica. E’ il caso di Azione di Carlo Calenda e della Lega di Salvini. Che vanno incontro ovviamente alle reprimende delle sinistre e degli ambientalisti.

Sarebbero 14 i siti, da Nord a Sud, Sardegna e Sicilia comprese, dove l’Alleanza Verdi e Sinistra sostiene che “Calenda, Berlusconi, Salvini e Meloni con molta probabilità realizzeranno le loro centrali nucleari”. “Una operazione verità contro la demagogia – l’ha definita Angelo Bonelli, co-portavoce di Europa Verde -. È qui che il centrodestra vuole mettere le centrali ma non ha il coraggio di dirlo”.

Il tweet di Bonelli

Nella mappa, illustrata da Bonelli in una conferenza stampa, ci sono Trino Vercellese, Caorso, Monfalcone, Chioggia, Scarlino, San Benedetto del Tronto, Montalto di Castro, Borgo Sabotino, Garigliano, Termoli, Brindisi, Scansano Jonico, Palma di Montechiaro e Oristano. “Per noi di Europa Verde e Alleanza Verdi e Sinistra – ha chiarito Bonelli – non esiste nessun sito compatibile nel nostro paese a causa della densità della popolazione, della sismicità e della siccità che interessa il nostro paese. Tutta L’Italia è inidonea ad ospitare centrali nucleari”.   

“Il piano delle 7 centrali nucleari da 40 GW di Calenda costa tra i 275 e i 400 miliardi di euro” rincara Bonelli. 

“Come riportato da uno studio della danese Aarhus University sui rischi di progetto delle varie tecnologie per la produzione elettrica, il nucleare è un vero disastro in quanto a costi che lievitano e a ritardi – ha aggiunto -. Dei 180 impianti nucleari censiti dallo studio, per 117,6 GW di potenza, a fronte d’investimenti iniziali per 459 miliardi di dollari si sono avuti sforamenti per 231 miliardi e per 9 centrali su 10 si è speso più di quanto preventivato”.

centrali, nucleari, Verdi


Paolo Padoin

Già Prefetto di Firenze Mail

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.

Firenze Post è una testata on line edita da Toscana Comunicazione srl
Registro Operatori della Comunicazione n° 23080