Skip to main content

Caro bollette, Calenda: “Draghi si dia una mossa, a rischio sostegno Ucraina”

Carlo Calenda ANSA/MAURIZIO BRAMBATTI

ROMA – Draghi deve “darsi una mossa” e varare subito un provvedimento per calmierare il costo
dell’energia e rimborsare le bollette impazzite. Il rischio è che altrimenti verrà meno il sostegno all’Ucraina da parte dell’opinione pubblica a beneficio di quei partiti che già oggi sembrano più comprensivi verso le ragioni di Putin.

Carlo Calenda parla dalle pagine de La Repubblica della corsa del prezzo del gas e del caro bollette e apre allo scostamento di bilancio. Il più convinto sostenitore dell’Agenda Draghi chiede ora al premier in carica di “varare subito un decreto per abbassare fino a fine ottobre il costo dell’energia, ma dobbiamo anche pensare a rimborsare le ultime bollette, altrimenti il sistema industriale salta”.

E per sostenere i costi di questo provvedimento – nell’ordine di 15 miliardi per far pagare all’industria
energivora 100 euro a megawattora e rimborsare le bollette già arrivate, dice – apre allo scostamento di bilancio: “Se dovesse esserci la necessità di fare un piccolo extra deficit, io proprio non ne farei un problema – afferma – Ai contrari all’extradeficit dico che tutto quello che non spendiamo adesso lo spenderemo moltiplicato per dieci in cassa integrazione, reindustrializzazione del Paese, Naspi, reddito di cittadinanza”.
“Le persone che ricevono queste bollette impazzite le ricollegano alla guerra e incomincia a venir meno il sostegno all’Ucraina – è il ragionamento del leader di Azione – È questo il danno gigantesco che si sta producendo, che mette a rischio anche il posizionamento dell’Italia rispetto alla Nato e all’Ue. Anche per questo chiedo a Draghi di intervenire immediatamente. È diventata una questione di sicurezza nazionale”.

bollette, Calenda, draghi


Paolo Padoin

Già Prefetto di FirenzeMail

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.

Firenze Post è una testata on line edita da C.A.T. - Confesercenti Toscana S.R.L.
Registro Operatori della Comunicazione n° 39741