Meloni contro Speranza

Covid 19: via le mascherine da autobus e treni a partire dal 30 settembre

. ANSA/ MASSIMO PERCOSSI

Conto alla rovescia per le mascherine anti-Covid: a partire dal 30 settembre decadranno quasi tutte le restrizioni che erano state introdotte per la pandemia. Non sarà più necessario, per esempio, indossare le mascherine su bus, metro e treni, ma anche dentro ospedali, ambulatori medici e Rsa.

    La seconda scadenza arriverà invece il 31 ottobre quando cesseranno i protocolli di sicurezza sui luoghi di lavoro, che tra le altre cose prevedono in alcuni casi la misurazione della temperatura all’entrata e l’uso delle mascherine al chiuso quando non si può mantenere il distanziamento.

   Resta fino al 31 dicembre il Green Pass per operatori sanitari, ricoverati e visitatori negli ospedali e nelle residenze per anziani, e che di fatto comporta la necessità di fare il tampone prima di entrare in una struttura sanitaria.

Nonostante le dichiarazioni preelettorali di Speranza, che ha invitato il nuovo governo a rispettare le regole fissate dai suoi esperti e soprattutto a insistere con le vaccinazioni a tutto campo, anche le scadenze sopraindicate, fissate proprio dal suo governo, indicano una tendenza al rallentamento delle prescrizioni.

Ma qualcosa è destinato a cambiare, se mutera’ l’indirizzo di governo. Già Giorgia Meloni ha annunciato che con il nuovo esecutivo, se sarà presieduto da lei, “l’Italia non sarà piu’ l’esperimento del modello cinese” e dice no alle politiche che sintetizza nelle formule del “modello Speranza” e degli “apprendisti stregoni”.

covid, Meloni, speranza, vaccini


Paolo Padoin

Già Prefetto di Firenze Mail

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.

Firenze Post è una testata on line edita da Toscana Comunicazione srl
Registro Operatori della Comunicazione n° 23080