Il duro giudizio dell'Associazione

Tariffe energia e inflazione: Confesercenti denuncia gravi rischi per famiglie e imprese

ROMA – Caro energia ed inflazione affossano le imprese. La fiducia delle attività economiche, con il terzo calo consecutivo, scende ai minimi da oltre un anno, come sottolinea l’Istat. L’incertezza sul prossimo futuro sta mettendo in difficoltà anche famiglie e consumi: senza un’inversione di tendenza, la spesa
potrebbe calare nel prossimo trimestre di 2,5 miliardi rispetto ai tre mesi precedenti. Un ulteriore fattore negativo per le imprese e per l’economia, che rende sempre più concreto il rischio di entrare in una
fase recessiva. Così Confesercenti in una nota. La forte caduta del clima di fiducia sia per i consumatori che per le imprese – che si traduce in un vero e proprio crollo per quelle dei servizi di mercato con – 7 punti – è indice di un pericoloso avvitamento in negativo della situazione economica. La Nadef che sta
per uscire, per quanto in formula ridotta e senza gli aspetti programmatici di competenza del nuovo governo, sancirà purtroppo questo quadro di crisi, con un deciso ridimensionamento della crescita
per il prossimo anno, inferiore al punto percentuale.

Preso atto della situazione negativa attuale Confesercenti si rivolge al nuovo Parlamento e al nuovo governo.

“Il nuovo Parlamento, sottolinea Confesercenti, è chiamato ad agire ed assumere decisioni fondamentali per fronteggiare questa fase critica per le imprese e le famiglie, schiacciate dal peso dei costi energetici. E le disponibilità ‘extra’ accumulate dai consumatori durante il covid – che avevano contribuito alla ripresa
dei consumi dello scorso anno – si stanno, purtroppo, erodendo: nel periodo gennaio-luglio 2022, l’incremento dei depositi delle famiglie si è fermato a +1,2%, meno della metà del +2,5% segnato tra gennaio e luglio 2021. La riduzione del potere d’acquisto si tradurrà in una brusca frenata dei consumi: secondo nostre stime, a fine 2023 continuerebbero a mancare 28,6 miliardi rispetto ai livelli di spesa
pre-pandemia, un passo indietro di sette anni ai consumi del 2016.
Per questo, a nostro avviso, la priorità del nuovo esecutivo – che auspichiamo si formi in tempi brevi – dovrà essere quella di trovare un meccanismo per porre un tetto agli aumenti delle tariffe di gas e
luce, come annunciato in altri Paesi, per uscire finalmente dall’emergenza”.

confesercenti, Governo, nuovi, parlamento, situazione

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.

Firenze Post è una testata on line edita da Toscana Comunicazione srl
Registro Operatori della Comunicazione n° 23080