Sempre più difficoltà per le Pmi

Debito Pa cresce: 55,6 mld non pagati ai fornitori. Indagine della Cgia di Mestre

MESTRE – Ammonta a 55,6 miliardi di euro lo stock dei debiti commerciali di parte corrente della Pubblica Amministrazione italiana verso i propri fornitori, costituiti prevalentemente da Pmi. Lo denuncia l’Ufficio studi della Cgia di Mestre, aggiungendo che “quando lo fa, ciò avviene con grave ritardo rispetto ai tempi di pagamento previsti dalla legge”.

In Italia, secondo le elaborazioni della Cgia – le commesse della nostra Pa ai privati ammontano complessivamente a circa 150 miliardi di euro all’anno, e il numero delle imprese fornitrici si aggira attorno a un milione.
Per quanto concerne l’Indicatore di Tempestività dei Pagamenti (Itp), il ministero meno “reattivo” a saldare le fatture è stato l’Interno con un indice pari a +67,09 giorni: ciò vuol dire che il Viminale liquida i propri fornitori con oltre 2 mesi di ritardo rispetto alla scadenza prevista dal contratto. Tra le amministrazioni regionali, i maggiori ritardi si sono registrati in Abruzzo con 62 giorni oltre la scadenza.
Tra i comuni, la situazione più critica è a Napoli, con 228,15 giorni.
Per risolvere questa annosa questione, che sta mettendo a dura prova tantissime Pmi, l’Ufficio studi della Cgia suggerisce “la compensazione secca, diretta e universale tra i crediti certi maturati da un’impresa nei confronti della Pa e i debiti fiscali e contributivi che essa deve onorare all’erari

cgia, mestre, pagamenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.

Firenze Post è una testata on line edita da Toscana Comunicazione srl
Registro Operatori della Comunicazione n° 23080