Skip to main content

Inflazione: prezzi alle stelle, ma le entrate volano. Chi guadagna e chi rischia di finire in povertà

L’inflazione morde i redditi di lavoratori dipendenti e pensionati

Tre sono i grandi problemi che il nuovo governo si troverà ad affrontare da subito, anche in raccordo con l’Europa: fronteggiare l’emergenza energetica, contenere l’inflazione, contrastare il pericolo recessione. E’ la sintesi di una situazione nella quale, in Italia, esistono due mondi: quello di chi guadagna tanto e l’altro, fatto da chi è sull’orlo della povertà. I conti pubblici lasciati del governo Draghi migliorano, il Pil del secondo trimestre 2022, secondo le stime Istat, vola al +5%, il rapporto deficit/Pil scende in modo sostanziale dal 7,6% al 3,1%, grazie all’inflazione e all’Iva le entrate volano a +13,4% (periodo gennaio-agosto). Eppure contemporaneamente le famiglie tirano la cinghia, sono costrette a intaccare i risparmi e devono pagare il conto salato presentato dall’inflazione.

ISTAT – Ecco la fotografia sconcertante del secondo trimestre del 2022, scattata dai dati dell’Istat in due sue note, una su conti delle pubbliche amministrazioni, reddito delle famiglie e investimenti, l’altra sulle stime trimestrali del Pil. I numeri diffusi dall’Istituto di Statistica raccontano due mondi: uno delle ragionerie e dei bilanci, l’altro è quello reale dei supermercati, dei bar e delle bollette da pagare. Ma andiamo con ordine. “Il governo uscente lascia un’eredità solida” commenta Renato Brunetta. Ed esattamente, certifica l’Istat, nel secondo trimestre dell’anno (aprile-giugno 2022) il deficit sul Pil è sceso al 3,1% dal 7,6%. Se non ci fossero da pagare gli interessi sui titoli di Stato, il terzo trimestre sarebbe stato in surplus con un incidenza positiva dell’1,6% sul Pil. “Fatto che non succedeva da due anni” ricorda il ministro della Pubblica Amministrazione uscente.

UCRAINA – Gran parte del miracolo è dovuto però al particolare momento che il Paese viveva fra aprile e giugno del 2022, con la crisi Ucraina ancora ai primi video, i venti di guerra oscurati dall’ottimismo della ripresa delle attività economiche e l’estate in arrivo. L’inflazione e il prezzo della benzina già mordevano e ci si faceva scrupoli sui gradi dell’aria condizionata. Situazione passeggera, dicevano gli esperti mentre le famiglie pensavano all’ombrellone che le aspettava in riva al mare. Così gli italiani hanno messo mano ai risparmi, parte dei quali fatti durante il periodo delle “chiusure” da Covid. Fra aprile e giugno la propensione al risparmio (cioè quanto del reddito viene accantonato) è scesa di 2,3 punti percentuale arrivando a 9,3%. Ci dice l’Istat. Ed è’ quindi in parte grazie ai risparmi che fra aprile e giugno i consumi sono saliti del 4,1% rendendo possibile un +5% del Pil e contribuendo all’aumento delle entrate fiscali.

FISCO – Nello stesso trimestre la pressione fiscale, è salita al 42,4% con aumento di 0,3 punti percentuali. “Inflazione e crescita del gettito dell’Iva (+18%)” sono all’origine del forte aumento delle entrate fra gennaio e agosto. Ci dice il Mef. Insomma, nonostante l’impatto negativo dell’aumento dei prezzi – commenta l’Istituto di Statistica – il potere d’acquisto delle famiglie è sceso solo lievemente (-0,1%)” non tanto cioè da compromettere i consumi. Questo vale per aprile-giugno scorso. Ma fino a quanto i risparmi e la cinghia stretta degli italiani potranno sostenere l’economia e i conti del Paese, ammortizzando gli effetti dell’inflazione sui consumi?. Il governo che arriva abbia occhio per lavoratori e pensionati, altrimenti il Paese scoppia. Chi elude il fisco – e le sacche d’evasione sono enormi – ingrassa. Chi paga tutto da sempre, appunto chi vive di stipendio e di pensione, rischia l’indigenza.

bassi redditi, guadagni, inflazione, lavoratori dipendenti, pensionati


Sandro Bennucci

Direttore del Firenze Post Scrivi al Direttore

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.

Firenze Post è una testata on line edita da C.A.T. - Confesercenti Toscana S.R.L.
Registro Operatori della Comunicazione n° 39741