Skip to main content

Pensioni: spunta quota 41 con tetto. Tridico: “E’ la strada giusta”. Ma Landini boccia “opzione uomo”

Inps

Nel pacchetto delle decisioni del nuovo governo c’è la riforma delle pensioni: con il superamento della Fornero. Spunta ‘Quota 41’, ma con una soglia di età. Appare invece meno percorribile la strada di una cosiddetta “Opzione uomo”, con la possibilità di andare in pensione a 58 anni (aspettando comunque un anno di finestra mobile) in base al solo sistema contributivo e con una decurtazione dell’assegno. Il dossier pensioni tiene la maggioranza in pieno fermento, con il vertice della Lega che ha fatto il punto sul tema, oltre che sui principali dossier economici. Nel centrodestra si vagliano tutte le ipotesi: una delle strade allo studio è, appunto, ‘Quota 41’, proposta su cui insiste la Lega, ma con l’introduzione di una soglia d’età.

SOGLIA A 60 ANNI – Questa opzione, spiegano fonti della maggioranza, permetterebbe infatti di ridurre anche di molto l’impatto previsto da ‘Quota 41’, che, come ipotizzata finora, richiederebbe risorse pari a circa 5 miliardi l’anno. Tutto dipende comunque da quale sarà la soglia che verrà individuata e dai calcoli che verranno fatti dall’Inps. Se però si dovesse fissare la soglia a 60 anni, o a 61, non si farebbe che replicare Quota 101, oppure l’attuale Quota 102. Non convince intanto l’idea di replicare, in chiave maschile, la flessibilità in uscita con assegno ridotto, già previsto da Opzione Donna.

LANDINI – ‘Opzione uomo’ non convince innanzitutto il segretario generale della Cgil, Maurizio Landini. “Mandare in pensione le persone riducendogli l’assegno – sottolinea – non mi pare sia una grande strada percorribile. Credo che il tema sia quello di affrontare la complessità del sistema pensionistico”. La scelta di ragionare sulla flessibilità di uscita legata al calcolo contributivo è invece condivisa dal presidente dell’Inps, Pasquale Tridico che parla di “direzione giusta”, anche se poi bisognerebbe tenere conto delle reali possibilità di accedere a una misura simile. Al momento, secondo i dati Inps, hanno scelto di andare in pensione con Opzione donna circa il 25% delle persone che avevano i requisiti (58 anni le dipendenti e 59 le autonome avendo però maturato almeno 35 anni di contributi e avendo l’assegno calcolato interamente con il sistema contributivo), ma per gli uomini la percentuale di adesione potrebbe essere ancora più bassa.

ULTIMO STIPENDIO – Se infatti si decidesse di uscire a 58 anni (con assegno che arriva comunque a 59 dato che bisogna attendere l’anno di finestra mobile) si perderebbe circa il 30% della pensione che si sarebbe maturata uscendo oltre sette anni dopo (con 42 anni e 10 mesi di contributi) perché i contributi versati sarebbero meno e andrebbero “spalmati” su molti più anni. In pratica, secondo alcuni calcoli, si avrebbe a che fare con un primo assegno di pensione pari a circa la metà dell’ultimo stipendio. Una opzione che chiaramente potrebbe apparire poco appetibile nell’attuale contesto caratterizzato da un deciso aumento dei prezzi e nel quale rinunciare a una parte dell’assegno pensionistico diventa ancora più complicato per un uomo che, quasi sempre, ha il reddito più alto in famiglia. Un approccio che evidentemente diventa più abbordabile solo per la parte di popolazione più benestante, con redditi alti.

FAMIGLIE – In pratica – stando ai calcoli – se a fronte di uno stipendio netto di 3mila euro si riceve uscendo con grande anticipo dal mercato del lavoro una pensione di circa 1.500 euro al mese per 13 mensilità, se lo stipendio netto è di 1.500 euro, la pensione sarebbe di circa 750 euro mettendo una famiglia senza altre rendite in una situazione di bisogno. Visto sul fronte dei conti pubblici, l’intervento richiederebbe inoltre un finanziamento per i primi anni di attuazione: anche se si passa ad un regime contributivo si anticipano gli esborsi pensionistici da parte dello Stato. Si porrebbe dunque il problema della spesa corrente che cresce, anche se nel lungo periodo il sistema resterebbe in equilibrio.

opzione uomo, pensioni, tridico


Sandro Bennucci

Direttore del Firenze Post Scrivi al Direttore

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.

Firenze Post è una testata on line edita da C.A.T. - Confesercenti Toscana S.R.L.
Registro Operatori della Comunicazione n° 39741