Skip to main content
Esplosione Lucca

Lucca: esplode una palazzina. Due morti. Salvata donna incinta. Feriti due camionisti

Esplosione Lucca
I vigili del fuoco durante i soccorsi

LUCCA – Due persone sono morte e una donna incinta è stata estratta viva dalle macerie: questo il bilancio, ancora provvisorio, dell’esplosione che ha distrutto oggi pomeriggio, 27 ottobre 2022, un edificio composto da due piani suddiviso in due unità immobiliari a Torre, frazione del comune di Lucca. Feriti anche camionisti. Al momento si scava per scongiurare la presenza di altre persone rimaste coinvolte nel crollo. Risultano feriti anche due camionisti che transitavano sulla strada, la via per Camaiore, al momento dell’esplosione: sono stati ricoverati. L’ipotesi è che l’esplosione stata innescata da una fuga di gas metano.

A provocare lo scoppio nell’edificio di due piani, suddiviso in due unità abitative, sarebbe stta una fuga di gas metano. I vigili del fuoco, intervenuti sul posto per domare l’incendio che si è sviluppato a seguito dell’esplosione, hanno estratto dalle macerie una donna incinta che è stata affidata al personale sanitario del 118. Sul posto sono accorsi i sanitari del 118 con automedica, due ambulanze e anche l’elisoccorso Pegaso per eventuali trasferimenti da effettuare. Avvertita anche la struttura regionale Cross (Centrale Operativa Remota Operazioni Soccorso Sanitario).

Sono in corso le ricerche di altre due persone. Una delle quali e è stata già individuata ancora in vita sotto le macerie. Sul posto si stanno portando anche le unità cinofile e le squadre Usar.

Nell’esplosione della palazzina è rimasto coinvolto anche un camioncino, con due persone a bordo che sono già state accompagnate all’ospedale di Lucca: le loro condizioni comunque non sarebbero gravi (una per trauma cranico, l’altra per escoriazioni).

AGGIORNAMENTO DELLE 17,45

È stato trovato morto anche il marito della donna già estratta senza vita dalle macerie dell’esplosione che ha coinvolto oggi pomeriggio un edificio di due unità immobiliari a Torre, frazione del comune diLucca. L’uomo deceduto, 60 anni, era dato per disperso: è stato trovato senza vita sotto le macerie, così come poco prima sua moglie di 55 anni. Al momento dell’esplosione invece la figlia della coppia, di 17 anni, data anche lei inizialmente per dispersa, non era in casa.

La donna incinta, rimasta ustionata nell’esplosione, è stata trasportata all’Ospedale di Cisanello a Pisa dove sarà sottoposta a taglio cesareo.

AGGIORNAMENTO DELLE 18.20

E’ nato il bambino della di 26 anni estratta viva questo pomeriggio dalle macerie dell’abitazione crollata a Torre, nel comune di Lucca. Il bambino, fanno sapere fonti della polizia, sta bene ed è ricoverato all’ospedale Meyer di Firenze. La donna è invece ancora ricoverata al centro grandi ustioni di Cisanello, a Pisa.

AGGIORNAMENTO DELLE 20.38

Dalle macerie dell’edificio esploso e’ stata estratta viva una cucciolata di cani che era rimasta travolta dai calcinacci. Il ritrovamento e’ stato fatto dai vigili del fuoco che stanno scavando sul luogo del disastro: tutti i cani – un pastore tedesco e alcuni cuccioli di bassotto – sono vivi e stanno bene. I vigili del fuoco li hanno affidati al servizio veterinario dell’Asl.

AGGIORNAMENTO 21.04

L’Azienda ospedaliera universitaria di Pisa ha reso noto in serata che il bimbo nato nel pomeriggio con parto cesareo della madre 26enne rimasta gravemente ustionata e ferita nell’esplosione, è ricoverato nel reparto di “terapia intensiva neonatale all’ospedale Santa Chiara a Pisa” e non all’ospedale pediatrico Meyer di Firenze come, invece, diversamente risultava in precedenza da altre fonti.

Domani, 28 ottobre 2022, all’inaugurazione di Lucca Comics & Games sarà osservato un minuto di silenzio per le vittime dell’esplosione. Lo ha annunciato il sindaco Mario Pardini.


Gilda Giusti

Redazione Firenze Post

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Firenze Post è una testata on line edita da C.A.T. - Confesercenti Toscana S.R.L.
Registro Operatori della Comunicazione n° 39741