Skip to main content

Capo Intelligence Ucraina: allarmi aerei in tutto il Paese. Lavrov rifiuta proposta di pace di Zelensky

EPA/SERGEY KOZLOV

KIEV – I combattimenti in Ucraina sono attualmente a un punto morto poiché né l’Ucraina né la Russia
possono fare progressi significativi, ha detto il capo dell’agenzia di intelligence militare ucraina, mentre Kiev attende armi più avanzate dagli alleati occidentali.

“La situazione è semplicemente bloccata”, ha detto Kyrylo Budanov in un’intervista alla Bbc. “Non si muove.” Dopo che le truppe ucraine hanno riconquistato la città meridionale di Kherson a novembre, la maggior parte delle battaglie più feroci si sono svolte intorno a Bakhmut, nella regione orientale di Donetsk. Altrove, le forze russe sembrano essere sulla difensiva mentre l’inverno ha rallentato il ritmo
delle operazioni di terra dell’Ucraina lungo i 1.000 km della linea del fronte.

Budanov ha affermato che la Russia è “ora completamente in un vicolo cieco” subendo perdite molto significative. Il capo dell’intelligence di Kiev ritiene che il Cremlino abbia deciso di annunciare un’altra mobilitazione di coscritti. Ma, ha aggiunto, le forze ucraine non hanno ancora le risorse per andare avanti in più aree.”Non possiamo sconfiggerli in tutte le direzioni in modo completo. Nemmeno loro possono farlo. Non vediamo l’ora di ricevere nuove forniture di armi e l’arrivo di armi più avanzate”.

Budanov ha poi liquidato le attività della Russia in Bielorussia, compreso il movimento di migliaia di
truppe, come tentativi di costringere l’Ucraina a spostare le truppe dai campi di battaglia nel sud e nell’est verso il nord. “In questo momento, non vedo alcun segno di preparativi per un’invasione di Kiev o delle aree settentrionali dalla Bielorussia”, ha affermato.

ALLARME – Intorno alle 6 di questa mattina ora locale (le 5 in Italia), l’allarme antiaereo è suonato nella capitale ucraina Kiev, così come nelle regioni meridionali di Kherson e Mykolaiv e nella regione occidentale di Zhytomyr. “Un’allerta aerea è stata annunciata nella capitale! Per favore, andate al rifugio!” ha avvertito su Telegram l’amministrazione militare della città di Kiev. Finora, non ci sono stati attacchi confermati.

LAVROV – Intanto il ministro degli esteri russo rifiuta la proposta di pace in 10 punti avanzata da Zelensky. “La Russia non parlerà con nessuno sulla base della formula di pace proposta dal leader ucraino
Volodymyr Zelensky” ha detto Sergey Lavrov in un’intervista a Ria Novosti, aggiungendo che Kiev non è pronta al dialogo.
“È ovvio che Kiev non è pronta per il dialogo. Proponendo ogni sorta di idee e ‘formule di pace’, Zelensky nutre l’illusione di ottenere, con l’aiuto dell’Occidente, il ritiro delle nostre truppe dal territorio russo delle regioni del Donbass, della Crimea, di Zaporizhzhia e Kherson, il pagamento dei danni dalla Russia, l’ammissione di colpa nei tribunali internazionali, ecc. Certamente non parleremo con nessuno in questi termini”, ha detto Lavrov.

combattimenti, lavrov, pace, Ucraina

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


Firenze Post è una testata on line edita da C.A.T. - Confesercenti Toscana S.R.L.
Registro Operatori della Comunicazione n° 39741