Skip to main content

Migranti: barcone con 200 migranti a Pozzallo. A Napoli sbarcata la Sea Eye con 106

Migranti

POZZALLO – Un altro salvataggio in condizioni difficili. Oltre duecento migranti sono stati soccorsi dalla Guardia Costiera italiana in un’operazione molto complessa e portata a termine con le “condizioni del mare proibitive”. I migranti erano su un peschereccio che già ieri si trovava in difficoltà in acque sar maltesi. Il soccorso è stato effettuato quando l’imbarcazione è entrata nelle acque Sar italiane. Tutti i migranti sono stati trasferiti su due motovedette classe 300 della Guardia Costiera. Il barcone è approdato a Pozzallo.

Ed è attraccata a Napoli la See Eye4, con a bordo 106 migranti. La nave era attesa dai medici dell’Usmaf, l’unità sanitaria marittima e dell’Asl Napoli1 e dalla Protezione civile con le tende riscaldate. Venti persone che hanno bisogno di cure mediche sono state portate all’Ospedale del Mare di Napoli e, per i due minorenni, al Santobono. Sono ventidue i minori non accompagnati giunti a Napoli sulla Sea Eye 4, che dopo gli accertamenti clinici saranno ospitati nelle comunità messe a disposizione dal Comune in compartecipazione con la Prefettura.

A bordo della nave di migranti attraccata oggi a Napoli c’era anche una donna positiva al Covid, gravida di 3 mesi, che è stata accolta in isolamento al reparto di ostetricia dell’Ospedale del Mare. Lo rende noto l’Asl Napoli 1 che sta curando i migranti bisognosi di ricovero sbarcati dalla Sea Eye4. In tutto sono 20 i migranti ricoverati all’Ospedale del Mare di Napoli dopo l’attracco e l’Asl Napoli 1 spiega che dopo lo sbarco sono arrivati adulti con ferite lacero-contuse, ustioni, diabete, traumi e altre patologie e che per loro è stato allestito un reparto riservato all’Ospedale del quartiere di Ponticelli con 20 posti letto e che nel caso ci fossero specifiche necessità l’Asl Na1 provvederà a individuare altre strutture ospedaliere per le cure.

Due i ricoveri di minori al Santobono. Gli altri migranti, in tutto ne sono sbarcati 106, vengono portati nel residence dell’Ospedale del Mare che si è organizzato con primo e secondo piano per adulti e gruppi familiari, il terzo piano per i 22 minori non accompagnati che poi andranno alla struttura comunale che per ora non è pronta e, spiega l’Asl, dovrebbe essere allestita dopodomani. Il piano è dedicato ai possibili positivi al covid. Stamattina, ricorda l’Asl Na1 dall’aeroporto di Pontecagnano sono stati elitrasportati due medici USMAF, due medici, tre infermieri e un mediatore culturale ASL Napoli 1 Centro per eseguire il primo triage a tutte le persone presenti e i tamponi antigenici rapidi (con 1 solo positivo).



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Firenze Post è una testata on line edita da C.A.T. - Confesercenti Toscana S.R.L.
Registro Operatori della Comunicazione n° 39741