Skip to main content

Terremoto in Turchia e Siria: grida d’aiuto dalle macerie. Salvata bimba di 4 anni. Oltre 7.200 morti. Angelo Zen non si trova

ANKARA – Grida d’aiuto dalle macerie. Rabbia per i soccorsi tardivi. Il bilancio, ancora parziale, si attesta a oltre 7.200 morti, decine di migliaia di feriti e un numero imprecisato di dispersi tra cui l’italiano Angelo Zen. Fra le notizie dell’ultim’ora il salvataggio di Nour, bambina di 4 anni: tirata fuori dalle macerie viva, quasi per miracolo, tante ore dopo quella speventosa scossa di magnitudo 7.8.

“Tirateci fuori”, è il grido che giunge da quell’anticamera dell’inferno fatta di lastre di cemento e tondini di ferro contorti dove il caso ha creato qualche precaria cella di sopravvivenza. “Ci dicono dove sono e non possiamo fare nulla”: l’amara riflessione di un giornalista turco, Ibrahin Haskologlu, alla Bbc dà voce ai tanti che in poco più di 24 ore sono passati dalla paura alla disperazione, alla rabbia per i ritardi negli aiuti che stanno condannando a morte molti scampati.

Nonostante le centinaia di scosse di assestamento e il maltempo, in Turchia sono state salvate almeno 8.000 persone, ha detto il vice presidente Fuat Oktay. Tante, poche? Nessuno sa esattamente quanti siano i dispersi sotto le macerie tra Turchia e Siria, ma l’Oms grazie alla mappatura delle terribili scosse che hanno squarciato centinaia di chilometri di crosta terrestre ha azzardato la stima di 23 milioni di persone in qualche modo coinvolte. E per le ricerche dell’unico disperso italiano la Farnesina è in contatto anche con la protezione civile turca, come ha riferito il ministro degli Esteri Antonio Tajani, che ha riportato la richiesta di riserbo della famiglia del 50enne Angelo Zen.

“Per adesso è soltanto non rintracciabile”, ha spiegato Tajani, precisando che nella zona di Kahramanmaras, dove è crollato il suo albergo, “non ci sono collegamenti telefonici o internet”. Il presidente turco Recep Tayyip Erdogan ha dichiarato lo stato di emergenza per tre mesi nelle 10 province del sud est della Turchia dove l’ultimo bilancio parla di oltre 5.400 morti. Tra le decine di squadre di soccorso che stanno arrivando in Turchia da tutto il mondo c’è anche il contingente italiano di vigili del fuoco sbarcato ad Adana e specializzato nella ricerca di dispersi sotto le macerie.

Ma la logistica è complicata, il meteo inclemente e gli aiuti sembrano non bastare mai. Chi è sopravvissuto e sa che sotto le macerie ci sono parenti e amici non si dà pace. “Ci hanno lasciato morire”, è il grido di una donna ad Antiochia tra le rovine di un condominio dove la gente scava a mani nude. E un’altra, Cagla Ezer, ha detto singhiozzando di aver sentito suo fratello implorare il suo nome dalle rovine del condominio dove abitava. “C’erano 25 persone solo in quell’edificio”, ha spiegato. “Ho provato a chiamare l’Afad”, il gruppo di coordinamento per le emergenze della Turchia, “ma non è venuto nessuno”. Una voce tra le tante. Ed Erdogan non si smentisce, usa il pugno duro anche in questo momento.

La polizia turca ha avuto anche il tempo di arrestare quattro persone accusate di essere “provocatori che miravano a creare paura e panico” per alcuni post sui social, che si stanno riempiendo di proteste per i ritardi nei soccorsi. Ancora peggiore la situazione in Siria, dove i morti sono arrivati a più di 1.800, l’opposizione al regime di Bashar al Assad denuncia che “centinaia di famiglie” sono intrappolate sotto le case crollate e i soccorsi internazionali incontrano, se non l’ostilità, una sorta di chiusura di Damasco che, afferma il portavoce della Commissione Ue Eric Mamer, non ha inviato l’indispensabile autorizzazione. E se dalla Turchia arriva la notizia del salvataggio, dopo 33 ore, di una madre e delle due figlie, e quella ancora più incredibile di una neonata con il cordone ombelicale ancora attaccato, qualche piccolo miracolo c’è anche nella devastata Siria.

“Papà è qui, non avere paura”, sussurrano i soccorritori che a nord di Aleppo scavano con le mani, mentre emerge dai calcinacci il faccino impolverato solo con qualche graffio sporco di sangue di Nour, una bimba di 4 anni. E’ illesa, e dal video che gira sui media sembra quasi di udire il sospiro di sollievo, di vivere l’emozione di un salvataggio che ha il sapore di una nuova nascita.

Angelo Zen, salvata bimba, siria, Terremoto, Turchia


Sandro Bennucci

Direttore del Firenze PostScrivi al Direttore

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.

Firenze Post è una testata on line edita da C.A.T. - Confesercenti Toscana S.R.L.
Registro Operatori della Comunicazione n° 39741