Skip to main content

Jet di Mosca abbattono drone Usa sul Mar Nero. Washington: “Azione pericolosa e non professionale dei russi”

Aerei da combattimento russi (Foto d’archivio)

WASHINGTON – Roba da top gun, comunque molto pericolosa. Un jet russo si è scontrato con un drone Usa sul Mar Nero. Il drone MQ-9 “stava conducendo operazioni di routine nello spazio aereo internazionale quando è stato intercettato e colpito da un aereo russo, provocando un incidente e la completa perdita dell’apparecchio”, ha affermato il generale dell’aeronautica statunitense James Hecker, comandante della US Air Force Europa e Africa, citato dall’Afp. Che ha aggiunto: “Questo atto pericoloso e non professionale da parte dei russi ha quasi causato la caduta di entrambi gli aerei”.

Secondo un funzionario statunitense a conoscenza dell’incidente citato dalla Cnn, il Reaper e due jet Su-27 Flanker stavano operando in acque internazionali sul Mar Nero, quando uno dei jet russi è volato intenzionalmente davanti e ha scaricato carburante di fronte al drone senza pilota. Uno dei jet ha poi danneggiato l’elica del Reaper, che è montata sul retro del drone, ha detto il funzionario. Il danno all’elica ha costretto gli Stati Uniti ad abbattere il Reaper in acque internazionali nel Mar Nero.

Joe Biden è stato informato dal consigliere per la sicurezza nazionale dell’incidente, ha detto il portavoce del consiglio per la sicurezza nazionale John Kirby.

Gli Stati Uniti hanno convocato l’ambasciatore russo a Washington per protestare contro lo schianto del drone. Lo ha detto il portavoce del Dipartimento di Stato Ned Price.

Il drone Usa colpito stava conducendo un’operazione di routine nello spazio aereo internazionale quando due caccia russi hanno cercato di intercettarlo, ha riferito il Pentagono.

“Non sappiamo quale fosse l’intenzione dei russi ma se il messaggio era quello di esercitare deterrenza contro i nostri sorvoli nello spazio aereo internazionale sul Mar Nero, o la nostra navigazione in acque internazionali sul Mar Nero, e’ destinato a fallire”: così il portavoce del consiglio per la sicurezza nazionale John Kirby in un briefing telefonico.

“Ci sono state altre intercettazioni simili ma questa è degna di nota perché è stata pericolosa e poco professionale” e ha causato l’abbattimento di un velivolo statunitense, “quindi è unica al riguardo“, ha detto Kirby. 

MOSCA: IL DRONE USA VOLAVA IN DIREZIONE DEL CONFINE RUSSO

“Questa mattina, sul Mar Nero nella regione della penisola di Crimea, il controllo delle forze aerospaziali russe ha registrato il volo di un veicolo aereo senza pilota americano MQ-9 in direzione del confine di stato di Federazione Russa”. Lo ha riferito il ministero della Difesa russo, citato dalla Tass, precisando che il drone volava con i transponder spenti “in violazione dei confini dell’area del regime temporaneo per l’uso dello spazio aereo, istituito ai fini dello svolgimento di un’operazione militare speciale”. Dopo il rilevamento del drone, “combattenti delle forze di difesa aerea in servizio sono stati alzati in volo”. 

Il ministero della Difesa russo ha dichiarato che i jet russi non sono entrati in contatto e non hanno usato armi contro il drone americano sul Mar Nero, che sarebbe caduto a causa delle sue stesse “brusche manovre”. “A seguito di brusche manovre, il veicolo aereo senza pilota MQ-9 è entrato in volo incontrollato con perdita di quota e si è scontrato con la superficie dell’acqua. I combattenti russi non hanno usato armi aviotrasportate, non sono entrati in contatto con il veicolo aereo senza equipaggio e sono tornati sani e salvi alla base”, si legge in una nota citata dalla Tass.

drone Usa, jet di Mosca, Mar Nero


Ernesto Giusti


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.

Firenze Post è una testata on line edita da C.A.T. - Confesercenti Toscana S.R.L.
Registro Operatori della Comunicazione n° 39741