Skip to main content

Fisco: imprenditori dichiarano 24mila euro l’anno. I loro dipendenti 21mila. Un italiano su 4 è sotto i 15 mila

Modello 730

I più ricchi? I lavoratori autonomi, accreditati di un guadagno lordo di 60mila euro l’anno. Imprenditori (24mila euro lordi, ma dai!) e dipendenti (21mila euro) guadagnerebbero quasi le stesse cifre. Ma ridai! Molto indietro i pensionati che chiudono in basso la scala con meno di 19.000 euro. Intanto la buona notizia è che in un anno di elevata ripresa dell’economia, il 2021, con un pil in crescita del 7%, anche il numero totale dei contribuenti sale di oltre 316.000 soggetti.

Sono dati statistici o il festival dell’evasione fiscale? Purtroppo sono le cifre del ministero dell’Economia e fotografano un’Italia che, se non evade, diciamo che elude. Presentano la propria dichiarazione dei redditi, direttamente o attraverso i sostituti di imposta circa 41,5 milioni di cittadini, oltre la metà dei quali si avvale del modello 730. Un contribuente su quattro, precisamente il 26% del totale, dichiara al fisco un reddito fino a 15.000 euro versando il 3,6% dell’Irpef complessiva. Sopra i 70.000 euro, nelle dichiarazioni dei redditi presentate nel 2022 a valere quindi sulle somme percepite l’anno precedente, ci sono invece solo il 4% dei cittadini che versano però il 31% del totale.

Quello che resta della piramide, il 70% dei contribuenti, si colloca quindi tra i 15 mila e i 70 mila euro di reddito e dichiara il 65% del volume complessivo. Come ogni anno a scattare il difficile rapporto tra gli italiani e le tasse è il dipartimento delle Finanze del ministero dell’Economia. Il reddito medio più elevato è quello da lavoro autonomo, pari a 60.520 euro mentre per gli imprenditori (titolari di ditte individuali) si attesta a 24.130 euro. I dipendenti dichiarano 21.500 euro.

Niente di nuovo sul fronte Nord-occidentale: che conferma la Lombardia al primo posto per reddito medio complessivo più elevato (26.620 euro) seguita dalla provincia autonoma di Bolzano (25.680) mentre la Calabria è i coda nella graduatoria regionale con il reddito medio più basso (16.300). Continua ad essere significativa, fanno sapere dal Ministero, la distanza tra il reddito del Centro-Nord e quello delle regioni meridionali.

A spiegare l’apparente difformità di alcuni dati c’è la diversa modalità di indicazione dei contributi previdenziali all’interno dei redditi presentati: quelli dei lavoratori dipendenti sono al netto dei contributi previdenziali mentre quelli da lavoro autonomo e d’impresa devono essere indicati al lordo dei contributi. Inoltre la quasi totalità dei redditi da capitale è soggetta a tassazione sostitutiva e non rientra pertanto nell’Irpef e per imprenditore il rapporto delle Finanze esclude chi esercita questa attività economica in forma societaria .

Rispetto all’anno precedente crescono i redditi medi da lavoro autonomo (+14,2%) e da lavoro dipendente (+3,8%) e in misura ancora minore mostra un lieve incremento anche il reddito medio da pensione (+1,8%). L’imposta netta dichiarata è pertanto nel 2022 per il 2021 di 171 miliardi (+7,4%). Roma si conferma Capitale dell’addizionale comunale, che complessivamente ammonta a 5,3 miliardi con un importo medio pari a 200 euro che varia appunto dal massimo di 260 euro del Lazio a quello minimo di 140euroin Valle D’Aosta.

dipendenti, elusione, evasione fiscale, imprenditori, Ministero dell'Economia, redditi


Sandro Bennucci

Direttore del Firenze PostScrivi al Direttore

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.

Firenze Post è una testata on line edita da C.A.T. - Confesercenti Toscana S.R.L.
Registro Operatori della Comunicazione n° 39741