Don Milani, cento anni: Mattarella nella scuola di Barbiana con Rosy Bindi. “Mai mettere a tacere i libri”

Il presidente della Repubblica Sergio Mattarella a Barbiana, Firenze, in occasione del centenario della nascita di don Lorenzo Milani (Foto ufficio stampa del Quirinale)

BARBIANA (VICCHIO NEL MUGELLO-FIRENZE) – E’ salito a Barbiana, il presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, per celebrare Don Lorenzo Milani nel centenario dalla nascita. Accanto a Rosy Bindi, nella scuola del “prete scomodo”, ha detto: “Nella sua inimitabile azione di educatore – e lo possono testimoniare i suoi “ragazzi” – pensava, piuttosto, alla scuola come luogo di promozione e non di selezione sociale. Una concezione piena di modernità, di gran lunga più avanti di quanti si attardavano in modelli difformi dal dettato costituzionale”.

E ancora: “Era stato mandato qui, a Barbiana, in questo borgo tra i boschi del Mugello – con la chiesa, la canonica e poche case intorno – perché i suoi canoni, nella loro radicalità, spiazzavano l’inerzia. La sua fede esigente e rocciosa, il suo parlare poco curiale, i suoi modi, a volte impetuosi, lontani da quelli consueti, destavano apprensione in qualche autorità ecclesiastica. In tempi lontani dalla globalizzazione e da internet, da qui, da Barbiana – allora senza luce elettrica e senza strade asfaltate – il messaggio di don Milani si è propagato con forza fino a raggiungere ogni angolo d’Italia; e non soltanto dell’Italia. Don Milani, aveva una acuta sensibilità circa il rapporto – che si pretendeva gerarchico – tra centri e periferie”.

“Il motore primo delle sue idee di giustizia e uguaglianza era proprio la scuola. La scuola come leva per contrastare le povertà. Non a caso oggi si usa l’espressione “povertà educativa” per affermare i rischi derivanti da una scuola che non riuscisse a essere veicolo di formazione del cittadino. La scuola per conoscere. Per imparare, anzitutto, la lingua, per poter usare la parola. “Il mondo – diceva don Milani – si divide in due categorie: non è che uno sia più intelligente e l’altro meno intelligente, uno ricco e l’altro meno ricco. Un uomo ha mille parole e un uomo ha cento parole”.

Si parte con patrimoni diversi. Da questa ansia si coglie il suo grande rispetto per la cultura. La povertà nel linguaggio è veicolo di povertà completa, e genera ulteriori discriminazioni. La scuola, in un Paese democratico, non può non avere come sua prima finalità e orizzonte l’eliminazione di ogni discrimine”. “La scuola è di tutti. La scuola deve essere per tutti. Spiegava don Milani, avendo davanti a sé figli di contadini che sembravano inesorabilmente destinati a essere estranei alla vita scolastica: “Una scuola che seleziona distrugge la cultura. Ai poveri toglie il mezzo di espressione. Ai ricchi toglie la conoscenza delle cose”. Impossibile non cogliere la saggezza di questi pensieri. Era la sua pedagogia della libertà”. Don Milani è stato “un grande italiano che, con la sua lezione, ha invitato all’esercizio di una responsabilità attiva. Il suo “I care” è divenuto un motto universale. Il motto di chi rifiuta l’egoismo e l’indifferenza. A quella espressione se ne accompagnava un’altra.

Diceva: “Finché c’è fatica, c’è speranza”. La società, senza la fatica dell’impegno, non migliora. Impegno accompagnato dalla fiducia che illumina il cammino di chi vuole davvero costruire. E lui ha percorso un vero cammino di costruzione. La scuola di Barbiana durava tutto il giorno. Cercava di infondere la voglia di imparare, la disponibilita’ a lavorare insieme agli altri. Cercava di instaurare l’abitudine a osservare le cose del mondo con spirito critico. Senza sottrarsi mai al confronto, senza pretendere di mettere a tacere qualcuno, tanto meno un libro o la sua presentazione. Insomma, invitava a saper discernere”.

MARCIA – Ed è partita a Vicchio (Firenze) la 22ma edizione della Marcia a Barbiana. Ad aprire la marcia gli interventi dell’assessore del Comune di Vicchio Rebecca Bonanni, del coordinatore della Marcia Perugi Assisi-Marcia della pace e della fraternità Flavio Lotti, del presidente dell’Istituzione Don Lorenzo Milani Leandro Lombardi, e di Giovanni De Gara, l’artista autore dell’installazione “Eldorato”, che con le coperte termiche color oro utilizzate per l’accoglienza dei migranti ricopre le porte delle chiese di Vicchio e di Barbiana. Sono seguite letture da parte degli studenti dell’Istituto comprensivo di Vicchio, autori del libretto “Don Milani e la Scuola di Barbiana… appassionatamente attenti al presente e al futuro”. Poi i partecipanti hanno mosso i primi passi per raggiungere il lago Viola e da qui Barbiana.

Barbiana, Don Lorenzo Milani, Mattarella


Ernesto Giusti


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.

Firenze Post è una testata on line edita da C.A.T. - Confesercenti Toscana S.R.L.
Registro Operatori della Comunicazione n° 39741
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: