Skip to main content

Botticelli e la “Calunnia”: vizi e virtù della Firenze del Rinascimento. Il dipinto ispirato a Dante, Boccaccio, Ovidio

“La Calunnia” di Botticelli, nella Galleria degli Uffizi (Foto d’archivio)

La “Calunnia” è stata, e forse è, una delle attività predilette a Firenze? Enigmatico, ma ora un po’ meno, il capolavoro di Sandro Botticelli (1445-1510), proprio dal titolo “La Calunnia”, che conterrebbe importanti riferimenti alle “Metamorfosi” di Ovidio, alla “Divina Commedia” di Dante Alighieri, al “Decameron” di Giovanni Boccaccio e ad altre fonti illustri. Tutti elementi che non sarebbero mai stati notati prima.

Le scoperte sono illustrate in un volume curato da Monica Centanni (professore ordinario di Letteratura greca) e Sara Agnoletto (dottore di ricerca in Storia delle arti) entrambe dell’Istituto Universitario di Architettura di Venezia (Iuav), dal titolo “La Calunnia di Sandro Botticelli. Politica, vizi e virtù civili a Firenze nel Rinascimento” (Officina Libraria, pagine 294, euro 60), appena pubblicato e presentato alla Galleria degli Uffizi.

Il volume, come detto, rivela per la prima volta i significati nascosti nel dipinto realizzato dal grande artista del Rinascimento fiorentino, racconta, infatti, il piccolo e dettagliatissimo quadro esposto agli Uffizi, affiancando al testo una campagna fotografica condotta specificatamente per la pubblicazione. Le autrici indagano il problema della sua datazione sotto una nuova luce e analizzano l’opera da punti di vista inesplorati, svelando simbologie rimaste fino ad oggi ignote. L’iconografia della “Calunnia” è tradizionalmente circondata da un’aura di mistero. La tavola, incentrata su concetti quali la diffamazione e l’ingiustizia, fu realizzata a partire dalla descrizione letteraria di Luciano di Samosata di un famoso dipinto di Apelle, forse mai esistito; la distanza tra testo e immagine, unita alle necessarie rielaborazioni del soggetto da parte di Botticelli, ha da sempre reso estremamente difficile l’interpretazione del quadro. (segue)

E’ stata la “Divina Commedia”, oltre a dettare l’aspetto di uno dei personaggi in primo piano, Invidia, ad ispirare alcuni degli spazi architettonici del loggiato, come quello raffigurante la flagellazione di ruffiani e seduttori, evidente rimando alle Malebolge. Alle “Metamorfosi” si rifanno invece i rilievi di Apollo e Dafne, di Atamante e del giudizio di Paride, mentre di ascendente boccaccesco è il riquadro dedicato a Cimone ed Ifigenia. E ancora, altre sculture risentono dell’influenza di Plinio, Livio, dell’Antico Testamento: la loggia è interamente popolata da visioni letterarie. L’identificazione di tutte le immagini contenute nella solenne architettura che incornicia la scena principale ha consentito alle studiose di classificare “La Calunnia” come un vero e proprio ‘combattimento’ tra i vizi e le virtù del tempo, nel clima opprimente che seguì la morte di del frate domenicano Girolamo Savonarola, arso sul rogo il 23 maggio 1498.

Il dipinto dovette, infatti, rivestire, nella mente di Botticelli, il ruolo civile di guida alla gestione del potere: attraverso un’analisi acuta e precisa, le autrici hanno identificato in Lorenzo di Pierfrancesco de’ Medici, figura trainante della politica fiorentina del tempo, il destinatario di questi importanti insegnamenti. Facendosi manuale di ciò che nel Rinascimento era ritenuto bene e male, “La Calunnia” diventa, quindi, anche un condensato della cultura e degli ideali dell’epoca, un’enciclopedia visiva del sentire di quegli anni.

Qualsiasi visitatore che abbia ammirato la sala di Botticelli, agli Uffizi, si sarà accorto che tra la Nascita di Venere e il piccolo dipinto della “Calunnia” esiste una connessione inconfutabile: infatti qui, tra le figure in primo piano spicca la Nuda Veritas, incarnazione degli ideali umanistici di verità ed onestà, mai nominata nel testo di Luciano di Samosata e, dunque, idea totalmente botticelliana. La donna, che si copre timidamente il pube mentre alza l’altro braccio verso il cielo, non è altro che una miniatura della Venere che, nella sala degli Uffizi, nasce dal mare a pochi metri da lei.

“La Calunnia” è infatti carica di autocitazioni botticelliane, che le ricerche delle autrici del libro hanno permesso di identificare per la prima volta. Il volume illustra, tra l’altro, come la maggior parte dei soggetti raffigurati nei rilievi della loggia sia in realtà una ‘mini’ riproduzione di opere autonome dell’artista fiorentino: alcuni dei quadri evocati sono, ad esempio, il “Ritorno di Giuditta a Betulia” e il “Giudizio di Paride”, sempre ospitati nelle Gallerie degli Uffizi, o il “Nastagio e la caccia infernale nella pineta di Classe” (Prado, Madrid), altro richiamo al “Decameron” di Boccaccio. D’altra parte, la stessa ambizione di rappresentare e dunque di collegarsi ad un dipinto di Apelle, il grande pittore greco della Classicità, dimostra la possibilità che Botticelli abbia fatto del suo quadretto “La Calunnia” un manifesto di autoaffermazione: così come Ovidio si era inserito nelle orme del grande poeta greco del simposio, proclamandosi Alceo Romano, Botticelli avrebbe potuto eleggersi, sulla scia di Apelle, “maestro della maniera classica”, e, dunque, “luminare del Rinascimento”.

Il libro “La Calunnia di Sandro Botticelli. Politica, vizi e virtù civili a Firenze nel Rinascimento”, ha commentato il direttore delle Gallerie degli Uffizi, Eike Schmidt, “rappresenta una svolta nella comprensione del misterioso quadro. Grazie a nuove, convincenti ipotesi sulla datazione, all’identificazione di specifiche fonti letterarie e pittoriche e alla sfilata di immagini che mettono a fuoco le particolarità del dipinto, lo studio di Sara Agnoletto e Monica Centanni permette ai lettori di afferrare compiutamente il significato de ‘La Calunnia’”. E magari di riflettere sui vizi dei fiorentini. Passati e presenti.

boccaccio, Botticelli, Dante, La Calunnia, Ovidio


Sandro Bennucci

Direttore del Firenze PostScrivi al Direttore

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.

Firenze Post è una testata on line edita da C.A.T. - Confesercenti Toscana S.R.L.
Registro Operatori della Comunicazione n° 39741