Skip to main content

Violenza sulle donne: nasce a Pisa centro di recupero per stalker e maltrattanti

Violenza sulle donne (Foto d’archivio)

Funzionerà? Lo scopo è quello di recuperare alla società civile i maschi violenti, quelli che devono essere “trattati” per aver maltrattato le donne. E anche gli stalker. C’è chi, nel governo, vorrebbe la castrazione chimica. Qui si punta alla prevenzione e al recupero. Ecco la notizia: questura di Pisa e Società della salute della zona pisana e l’associazione pisana Nuovo maschile hanno raggiunto un’intesa in materia di “ingiunzione trattamentale” nei confronti di stalker e maltrattanti.

Obiettivo dell’accordo, sottoscritto dal questore Sebastiano Salvo, dal presidente della Sds e sindaco di San Giuliano terme (Pisa), Sergio Di Maio, e dalla presidente di Nuovo Maschile, Désirée Olianas, è quello, fa sapere la questura, “di prevenire il fenomeno della violenza contro le donne attraverso l’informazione e la sensibilizzazione della collettività, rafforzando la consapevolezza degli uomini e dei ragazzi nel processo di eliminazione della violenza contro le donne e nella soluzione dei conflitti nei rapporti interpersonali”.

Come si raggiunge l’obiettivo? Promuovndo, fanno sapere gli esperti, lo sviluppo e l’attivazione, in tutto il territorio nazionale, di azioni basate su metodologie consolidate e coerenti con linee guida appositamente predisposte, di recupero e accompagnamento dei soggetti responsabili di atti di violenza nelle relazioni affettive, per favorirne il recupero e di limitare i casi di recidiva.

I soggetti firmatari condivideranno le loro competenze: la questura individuerà centri e/o servizi specializzati, idonei ad attuare e garantire sul territorio adeguati e mirati interventi per la prevenzione e il contrasto della violenza domestica o di genere.

La Società della salute, gestirà i percorsi di presa in carico delle donne vittime di violenza e progetti di sensibilizzazione dell’opinione pubblica per promuovere una corretta cultura della relazione uomo-donna in ogni età e in ogni contesto sociale; infine Nuovo maschile offrirà ai responsabili di violenza domestica percorsi trattamentali integrati, avvalendosi di un’équipe di lavoro multidisciplinare composta da counselor e psicologi psicoterapeuti.

Grazie all’intesa, infine, la questura fornirà ai destinatari dei provvedimenti di ammonimento i riferimenti e i contatti dell’associazione Nuovo maschile, anche se l’adesione al percorso trattamentale sarà solo su base volontaria e nel pieno rispetto della privacy. E qui siamo di nuovo alla domanda: funzionerà? Importante, in ogni caso, è evitare pericoli per le donne che chiedono aiuto. E molte volte sono lasciate sole in balìa dei loro aggressori.

centro di recupero, maltrattamenti, pisa, questura, società della salute, stalker


Gilda Giusti

Redazione Firenze Post

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.

Firenze Post è una testata on line edita da C.A.T. - Confesercenti Toscana S.R.L.
Registro Operatori della Comunicazione n° 39741