Skip to main content
Le Cappelle medicee di Firenze, successo di visitatori per «Una notte al museo»

Cappelle Medicee: nuova uscita rivela cripta e mura. A novembre riapre la stanza segreta di Michelangelo

Le Cappelle medicee di Firenze, successo di visitatori per «Una notte al museo»

FIRENZE – A partire da domani, mercoledì 27 settembre 2023, i visitatori del museo delle Cappelle Medicee, complesso che ospita i sepolcri della famiglia granducale fiorentina, concluderanno la visita attraversando una scalinata in pietra che conduce sulla piazza che dà sul Canto dei Nelli.

Una nuova uscita del museo, con una soluzione architettonica innovativa e in armonia con le Cappelle Medicee, ma anche un percorso museale che si arricchisce della visita alla Cripta lorenese, chiusa da decenni, e a un tratto delle antiche mura medievali fiorentine, emerse proprio durante i lavori.

In occasione della presentazione della nuova uscita, Massimo Osanna, direttore generale Musei, ha inoltre annunciato l’apertura, dai primi di novembre, della stanza segreta di Michelangelo, il piccolo ambiente a cui si accede dalla Sagrestia Nuova delle Cappelle e che contiene disegni a carboncino attribuiti al Buonarroti che si nascose nella stanza un paio di mesi nel 1530 per sfuggire alla persecuzione medicea. “La conclusione dei lavori della nuova uscita e l’adeguamento del Museo delle Cappelle Medicee alle norme di sicurezza – ha detto Osanna – consentiranno a partire dall’inizio di novembre di aprire periodicamente anche la stanza segreta di Michelangelo, luogo di fascino straordinario, ma delicatissimo per l’ubicazione dello stretto ambiente nel percorso museale e per la tutela dei disegni a carboncino presenti sulle pareti”.

Avviato nel 2010, lo scavo per i lavori della nuova uscita ha portato alla luce resti della cinta muraria fiorentina del XII secolo (1172-1175). Lo scavo è terminato nel 2017 e vista l’importanza storica e urbanistica dell’uscita, che doveva anche rendere i resti archeologici medievali visibili al pubblico, è stato deciso di bandire il concorso internazionale di idee progettuali vinto dallo Studio Zermani che ha eseguito i lavori tra il 2021 e il 2023. Una volta chiuso il cantiere, tutti gli ambienti del museo sono stati sottoposti a manutenzioni straordinarie e, dove necessario, a restauri. Tra questi, quello relativo alla Cripta Lorenese, costruita dall’architetto Emilio De Fabris per gli eredi dei granduchi Asburgo-Lorena nel 1873 e chiusa al pubblico da vari decenni, che è stata liberata e restaurata interamente.

L’importo complessivo per la realizzazione della nuova uscita e per la messa in sicurezza, restauri e nuova segnaletica ammonta a circa 2,6 milioni. “La nuova uscita ideata dal professore Paolo Zermani rappresenta il culmine di una serie di diversi interventi di messa in sicurezza, restauro e valorizzazione che hanno interessato il Museo delle Cappelle Medicee in questi ultimi otto anni”, ha commentato Paola D’Agostino, direttrice dei Musei del Bargello.

cappelle medicee, massimo osanna, stanza segretea di michelangelo


Ernesto Giusti


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.

Firenze Post è una testata on line edita da C.A.T. - Confesercenti Toscana S.R.L.
Registro Operatori della Comunicazione n° 39741