Skip to main content

Italia a Wembley per ribaltare l’Inghilterra (stasera 20,45 Rai1). Ma Bonaventura va in panchina. Formazioni

Jack Bonaventura autore della rete dell’1-0 contro Malta (foto dalla pagina FB della Nazionale Italiana Calcio)

LONDRA – C’è l’ombra dell’attentato di Bruxelles, sulle qualificazioni per Euro 2024. La morte dei due tifosi svedesi, falciati dal kalashnikov del terrorista toglie gioia dalle partite e fa rafforzare le misure di sicurezza. Ovunque. Stasera, a Wembley (ore 20,45, Rai1), c’è Inghilterra Italia. Non ha sbagliato una mossa, finora, Luciano Spalletti. Ecco perchè sono rimasto sorpreso che dalla formazione iniziale sia stato escluso Jack Bonaventura, la grande novità azzurra. Avrà le sue ragioni, il nostro “Lucio”, e spero davvero che veda giusto, ma rinunciare a Jack proprio ora, per scelta tecnica, mi pare un azzardo.

Ma andiamo avanti. Vincere a Wembley e raggiungere gli inglesi in testa alla classifica del girone di qualificazione non è impossibile. Del resto, non sarebbe la prima volta che gli azzurri vincono a Londra. Lo han fatto quattro volte in passato: nel 1973 con un gol di Capello e i giornali inglesi scrissero che i “camerieri italiani” avevano avuto la meglio; la secondo volta fu Zola nel 1997 a dare il dispiacere ai sudditi di Sua Maestà (allora viva); nel 2002 in amichevole ai tempi di Montella, che segnò il gol del 2-1 su rigore nel recupero.

I tre ct che hanno vinto a Wembley sono stati Ferruccio Valcareggi, Cesare Maldini e Marcello Lippi. Ha vinto pure Roberto Mancini all’Europeo, portando a casa il titolo nel 2021, ai rigori. Più recentemente l’Italia, guidata sempre da Mancini, ha perso a Napoli la partita d’andata del girone di qualificazione per 2-1.

Ci proverà ora Luciano Spalletti, che finora ha battuto Ucraina e Malta e ha pareggiato in Macedonia. Gli inglesi di Southgate sono in un buon momento e hanno nel centrocampista Bellingham (che gioca nel Real Madrid) e nel goleador Kane gli elementi di maggior spicco, ma tutto il complesso è solido. Quali contromosse attuerà Spalletti? E qui torno a Bonaventura: Jack, lì nel mezzo, non ci starebbe bene?

In marcatura su Kane potrebbe andare Acerbi. Per cercare di limitare Bellingham verrà impiegato il dinamico Barella? Vedremo sul campo. Con Bonaventura nei paraggi mi sentirei più sicuro.

Spalletti ha dichiarato che a Wembley si vedrà il valore della squadra azzurra e contro la ben collaudata formazione di Southgate dovrà sperare in uno scatto in avanti dei suoi, per non fare figuracce nel tempio del calcio e soprattutto per sperare nella qualificazione. Battere 4-0 Malta è stato sin troppo facile.

La serietà e l’impegno del nuovo ct e dei suoi giocatori sono fuori discussione, ma le tante assenze, per infortunio (Chiesa, Pellegrini, Zaccagni, Immobile) o per lo scandalo delle scommesse (Tonali, Zaniolo) limitano molto le possibilità di scelta. C’è un El Shaawary in più.

Il ct dovrà bilanciare le scelte, non privandosi della possibilità di attaccare, ma cercando di garantire alla squadra una certa possibilità di affrontare adeguatamente l’onda d’urto dei britannici. In difesa il rientro di Di Lorenzo, Scalvini e Acerbi è certa, mentre a sinistra dovrebbe giocare la “new entry” Udogie. Il ct dovrà stare attento a non farsi attaccare ai fianchi. Alla regia dovrebbe tornare Cristante, con Frattesi e Barella.

Davanti, con Berardi dovrebbero esserci Scamacca e El Shaarawy. Una squadra completamente rinnovata, rispetto a quella di sabato: confermati solo tre di quelli che hanno affrontato Malta, almeno inizialmente. Insomma, la partita è tatticamente delicata, anche perché l’Ucraina, che ci contende il secondo posto -essenziale per accedere alla fase finale degli Europei- non avrà problemi contro Malta.

Quindi dopo questa tornata di partite potremmo ritrovarci dietro alla squadra di Rebrov e la gara decisiva sarà quindi lo scontro diretto con gli ucraini del 26 novembre a Leverkusen. Come si vede è essenziale non perdere a Wembley. Questi calcoli Spalletti li avrà fatti e chiederà il meglio agli azzurri, ma le scelte sono le sue, come le responsabilità.

“Il mio traguardo è quello di qualificarmi. Il mio obbiettivo a Wembley è quello di ottenere la qualificazione” ha detto il ct. L’arbitro sarà il navigato Turpin, francese. Ma all’occorrenza, caro “Lucio”, ricordati di Jack. 

Le probabili formazioni

INGHILTERRA (4-2-3-1): Pickford; Walker, Stones, Maguire, Shaw; Henderson, Rice; Foden, Bellingham, Grealish; Kane. Allenatore: Southgate

ITALIA (4-3-3): Donnarumma; Di Lorenzo, Scalvini, Acerbi, Udogie; Frattesi, Cristante, Barella; Berardi, Scamacca, El Shaarawy. Allenatore: Spalletti

ARBITRO: Turpin (Fra)

Bellingham, Bonaventura, Inghilterra, Italia, Spalletti


Sandro Bennucci

Direttore del Firenze Post Scrivi al Direttore

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


Firenze Post è una testata on line edita da C.A.T. - Confesercenti Toscana S.R.L.
Registro Operatori della Comunicazione n° 39741