Skip to main content

Lavoro: a novembre 430mila assunzioni. Mancano operai nel tessile-abbigliamento

Settore tessile (Foto d’archivio)

Era sbagliato il reddito di cittadinanza? I nuovi dati forniti dalle imprese fanno capire di sì: perchè sarebbero disponibili circa 800mila posti di lavoro che, secondo quello che scrivono Unioncamere e Anpal nel nuovo bollettino Excelsior, resterebbero vuoti per la mancanza di profili professionali adeguati.

A novembre, fanno sapere le organizzazioni dei datori di lavoro, le assunzioni programmate dalle aziende sono 430 mila, in crescita del 12,6% rispetto allo scorso anno, e nei prossimi tre mesi raggiungono quota un milione e 300 mila. In quasi un caso su due sarà difficile portarle a termine per la mancanza di candidati adatti.

Risultano “pressoché introvabili” gli operai specializzati del tessile e dell’abbigliamento, così come quelli addetti alle rifiniture delle costruzioni, i fonditori, i saldatori, i lattonieri, i calderai, i montatori di carpenteria metallica e i fabbri ferrai.

Confindustria stima in 800 mila i profili mancanti e rivendica di aver assunto, da giugno 2021, un milione e 100 mila persone in più, come sistema economico. Il presidente degli industriali, Carlo Bonomi, in un’audizione al Senato, ha detto di non volere gli incentivi per le assunzioni previsti dalla legge di bilancio. “Non mi interessa la minore Ires se io assumo, perché non abbiamo problemi, in questo momento, di occupazione”, ha dichiarato Bonomi proponendo di destinare le risorse previste per gli sgravi su Industria 5.0 e investimenti.

“Come imprenditore, creare posti lavori e assumere è il mio mestiere. Prendere soldi pubblici per fare il mio mestiere concettualmente non mi piace”, ha aggiunto il presidente di Confindustria. Piuttosto la richiesta è quella di intervenire sulla competitività dei costi del lavoro incentivando i rinnovi contrattuali.

Oltre il 40% dei dipendenti ha il contratto scaduto nel settore privato, secondo gli ultimi dati Istat, relativi a fine settembre, e considerando anche il pubblico impiego si raggiunge il 54% del totale, quasi 6 milioni e mezzo di persone. Proprio i ritardi nei rinnovi contrattuali sono – secondo l’analisi del Cnel per il governo che ha bocciato il salario minimo – una delle cause del lavoro povero in Italia. La proposta di Confindustria è quella di prevedere una defiscalizzazione solo per chi rinnova i contratti e li ha con determinate caratteristiche, invece di parlare di una soglia oraria minima.

Tornando ai dati del bollettino Excelsior, la maggior parte delle assunzioni prevista riguarda contratti a tempo determinato, che sono il 52,9%. Seguono i contratti stabili con il 21,7%, una quota minoritaria ma comunque in crescita rispetto all’anno scorso (quando era del 20,2%). Un incremento superiore alla media riguarda poi la domanda di lavoratori immigrati che, nei piani delle imprese, copriranno oltre un ingresso su cinque.

Tra i settori, sono particolarmente positive le dinamiche del turismo, con 68mila assunzioni programmate a novembre, il 28,3% in più rispetto allo scorso anno, e del commercio. Anche in generale, i servizi assorbiranno poco meno di 300 mila assunzioni nel mese. Nell’industria gli ambiti in maggiore espansione sono meccatronica e sistema moda. Tengono poi le costruzioni, nonostante la stretta sul superbonus. A livello geografico, oltre 230 mila assunzioni sono al Nord, quasi 90 mila al Centro e 108 mila a Sud.

430mila assunzioni, Lavoro, tessile abbigliamento


Sandro Bennucci

Direttore del Firenze PostScrivi al Direttore

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.

Firenze Post è una testata on line edita da C.A.T. - Confesercenti Toscana S.R.L.
Registro Operatori della Comunicazione n° 39741