Skip to main content

Class action delle Province contro Autolinee Toscane: da gennaio tagliate corse e disservizi. L’Azienda replica

Le Province della Toscana e Upi Toscana – informa un omunicato – promuoveranno azioni legali e una class action contro l’azienda di trasporto locale Autolinee Toscane se dal primo gennaio non sarà in grado di assicurare il servizio sui territori della regione. La decisione è stata presa nel corso di un Direttivo straordinario dei Presidenti provinciali dopo che Autolinee Toscane ha annunciato tagli al servizio.

La comunicazione alle Province della Toscana è stata fatta solo in questi giorni, malgrado la causa dei disagi non siano eventi imprevisti o emergenze, ma una norma: il divieto di circolazione dei bus di categoria Euro 2. Le conseguenze saranno il blocco di quasi 240 bus, con un taglio indiscriminato su centinaia di corse, comprese quelle scolastiche, per i pendolari e ad alta frequentazione.

“Come Province della Toscana – affermano i Presidenti provinciali – riteniamo inaccettabile questa mancanza di programmazione di una multinazionale che con la gara unica avrebbe dovuto portare nella nostra regione qualità dei servizi, investimenti ed efficienza e che invece non è riuscita a far fronte a una situazione di blocco dei mezzi inquinanti che non rappresenta un imprevisto come il Covid. E’ nota almeno dal 2021, era assolutamente prevedibile”.

I Presidenti provinciali si rivolgono anche alle istituzioni: “Invitiamo la Regione Toscana a esercitare il proprio ruolo di controllo e di regolazione del servizio e rivolgiamo un appello ai Parlamentari e soprattutto ai Prefetti affinché sostengano la nostra richiesta al Governo Meloni per una proroga che scongiuri una situazione di emergenza che rischierebbe di provocare problemi di ordine pubblico sui territori e un’interruzione di servizio pubblico”. 

In ogni caso, ricordano i Presidenti provinciali, la proroga degli Euro 2 non risolverebbe strutturalmente la situazione, visto che per fine 2024 è previsto il blocco dei mezzi Euro 3. “Non è dato sapere i piani di investimento per provincia da parte dell’azienda – spiegano i Presidenti – Riteniamo necessario che il gestore del contratto pubblico di trasporto pubblico locale avvii fin da gennaio un tavolo permanente con Autolinee Toscane e gli enti locali per gestire la situazione, anche alla luce dei gravi disservizi che già oggi studenti e cittadini subiscono. Il blocco a fine 2024 dei 700 mezzi Euro 3 sarebbe il definitivo colpo di grazia a uno dei servizi pubblici essenziali per i cittadini”.

AUTOLINEE TOSCANE –  “Siamo meravigliati dai toni e dalle scelte annunciate dalle Province toscane – replica l’Azienda attraverso un comunicato – Abbiamo già posto il problema dell’esigenza di una deroga per l’uso dei bus Euro 2 nei mesi scorsi, formalmente fin da febbraio, a tanti enti, come hanno fatto anche tante aziende di Tpl e associazioni di categoria in tutta Italia, dalla Puglia al Veneto.

Perché la norma che prevedeva il divieto di circolazione degli euro 2 è appunto una legge del 2014 (modificata più volte), nota a tutti, in primis alle istituzioni. La difficoltà di sostituzione degli Euro 2 dipende da molti fattori, che abbiamo già spiegato, ma che il problema fosse noto, lo dimostra il fatto che la richiesta di deroga è arrivata anche dall’Anci, dalla Conferenza della Regioni, oltre che da tante aziende private e dalle associazioni di categoria”.

“Nonostante le difficoltà presenti, e in parte imprevedibili – prosegue la nota – proprio essere una grande azienda ci ha consentito di raddoppiare l’acquisto dei bus previsto dal contratto di gara per il primo anno (200 in tutto), e ci ha permesso di muoverci da tempo per cercare di accelerare la sostituzione degli Euro 2: abbiamo già investito direttamente oltre 370 milioni di euro in Toscana in soli due anni, cosa che, ci risulta, non è mai successa in precedenza. Che il nostro approccio sia corretto e lineare, è riconosciuto dal fatto che in altre Regioni d’Italia, a fronte di questa e altre difficoltà come la carenza di autisti, è stato tagliato il servizio del Tpl mentre qui non è successo e la dimensione aziendale di Autolinee Toscane consente di fare gare economicamente e numericamente rilevanti”.

“In Toscana, si pagano i ritardi nell’assegnazione della gara di 6 anni, che ci hanno obbligato a comprare i vecchi bus (370 Euro 2, 700 Euro 3), anche se non volevamo; a questo proposito va evidenziato che l’alienazione degli Euro 2 dopo soli due anni comporterà per at una minusvalenza di oltre 1 milione di euro. Va ricordato infatti che at è stata penalizzata economicamente e finanziariamente dalla barriera d’ingresso tutta a vantaggio dei precedenti gestori (oltre 212 milioni di euro il valore di ripresa dei beni), senza la quale at avrebbe potuto disporre fin dal primo giorno di un parco mezzi nuovi e con costi di manutenzione decisamente minori”.

“Il rispetto della gara regionale per la gestione del Tpl in Toscana passava anche dall’osservanza delle modifiche previste nel secondo anno, che avrebbero portato le Province a fare le gare per i lotti deboli, liberando sia uomini che mezzi di Autolinee Toscane proprio per migliorare il servizio nelle altre linee. È stato invece chiesto ad Autolinee Toscane di proseguire, le Province hanno rinviato le gare, questi uomini e mezzi per at in più non ci sono stati. Noi abbiamo accettato questa situazione per spirito di collaborazione, perché siamo una grande multinazionale e da quasi 100 anni mettiamo al primo posto la responsabilità sociale verso i cittadini e le istituzioni tutte con grande spirito di collaborazione”.

Autolinee toscane, class action, province


Ernesto Giusti


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.

Firenze Post è una testata on line edita da C.A.T. - Confesercenti Toscana S.R.L.
Registro Operatori della Comunicazione n° 39741