Skip to main content

Morto carbonizzato ad Agliana: la figlia di Maiorino attacca le intercettazioni e chi le ha diffuse

La vittima Alessio Cini

PISTOIA – “Non parlo perché di parte, parlo perché qualcuno deve parlare. Viviamo in un Paese in cui la notizia e i soldi valgono più di vite e sentimenti di altri esseri umani”. Difende il padre la figlia di Daniele Maiorino, 58 anni, originario di Prato, arrestato per l’omicidio di Alessio Cini, cognato e vicino di casa, preso a sprangate e poi dato alle fiamme l’8 gennaio a Agliana (Pistoia). La figlia ha scritto una lettera, diffusa dal difensore, avvocato Katia Dottore Giachino, nella quale attacca i mezzi di informazione anche rispetto all’interpretazione delle intercettazioni fatte e acquisite dagli inquirenti.

“Vi ricordo che è sempre facile puntare il dito quando non si sa e non si è direttamente coinvolti, vi vorrei infatti ricordare che lo scritto non è l’audio, e come è stato più volte sottolineato dall’avvocato Dottore Giachino, che a differenza vostra ha ascoltato le famose intercettazioni non si riesce a comprendere il soggetto di esse (‘l’ho ammazzato’ o ‘l’hanno ammazzato’), proprio perché considerando la tragedia che ha visto coinvolta la mia famiglia, eravamo soliti fare ipotesi su ciò che potesse essere successo”.

“Detto questo – conclude la figlia di Maiorino – vorrei sottolineare che queste mie parole hanno lo scopo di mettere sul piatto della bilancia ogni informazione presente e non solo quelle comode per una notizia acchiappaconsensi”. Il 2 febbraio 2024 è fissata l’udienza al riesame di Firenze sul ricorso presentato dalla difesa contro la carcerazione di Maiorino.


Gilda Giusti

Redazione Firenze Post

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Firenze Post è una testata on line edita da C.A.T. - Confesercenti Toscana S.R.L.
Registro Operatori della Comunicazione n° 39741