Skip to main content

Ucraina, Ue: accordo fra i 27 capi di governo per 50 miliardi di aiuti militari. Prima spedizione: munizioni

BRUXELLES – L’annuncio, non senza enfasi, lo scrive il presidente del consiglio europeo, Charles Michel, su X: “Dopo quasi due anni di guerra, l’Ucraina resta e continuerà ad essere una priorità. Continueremo la nostra forte assistenza militare. Sono stati compiuti progressi nel sostenere l’Ucraina attraverso il Fondo europeo per la pace e non risparmieremo alcuno sforzo per accelerare la consegna di munizioni all’Ucraina entro la fine dell’anno”.

E ancora: “Abbiamo un accordo. Tutti i 27 leader hanno concordato un pacchetto di sostegno aggiuntivo di 50 miliardi di euro per l’Ucraina all’interno del bilancio dell’Ue. In questo modo si garantisce un finanziamento costante, a lungo termine e prevedibile per l’Ucraina. L’Ue sta assumendo la leadership e la responsabilità del sostegno all’Ucraina”.

Per il premier ucraino, Denys Šmyhal, l’accordo sugli aiuti dell’Ue a Kiev aiuterà a realizzare una “vittoria comune”. Il presidente ucraino Volodymyr Zelensky ha affermato di essere grato ai leader dell’Ue per aver creato un nuovo strumento da 50 miliardi di euro per il suo Paese.

“È molto importante che la decisione sia stata presa da tutti e 27 i leader, il che dimostra ancora una volta la forte unità dell’Ue”, ha affermato. Per Zelensky, “il continuo sostegno finanziario dell’Ue all’Ucraina rafforzerà la stabilità economica e finanziaria a lungo termine, che non è meno importante dell’assistenza militare e della pressione delle sanzioni sulla Russia”. 

“Accordo! Il Consiglio europeo ha realizzato le nostre priorità. Sostenere l’Ucraina – ha scritto in un tweet la presidente della Commissione europea, Ursula von der Leyen -. Combattere la migrazione illegale. Sostenere la competitività europea. Una buona giornata per l’Europa”.

“Sulla base del rapporto annuale della Commissione sull’attuazione del pacchetto di aiuti per l’Ucraina, il Consiglio Europeo – si legge in un paragrafo delle conclusioni del vertice Ue – terrà un dibattito annuale sull’attuazione stessa con l’obiettivo di dare una guida. Se necessario, fra due anni il Consiglio Europeo inviterà la Commissione a presentare una proposta di revisione nel contesto della revisione del bilancio comunitario”. La formula ha permesso lo sblocco dell’impasse sugli aiuti macrofinanziari a Kiev. 

Nell’intesa tra i 27 sul bilancio comune e gli aiuti all’Ucraina è stato aggiunto un passaggio, particolarmente caro a Viktor Orban: un richiamo alle conclusioni del Consiglio europeo di dicembre 2020 sul meccanismo di condizionalità, sulla base del quale Bruxelles ha congelato i fondi per l’Ungheria.

Fonti Ue spiegano che, nello specifico, il richiamo fa riferimento al fatto che “le misure previste dal meccanismo dovranno essere proporzionate all’impatto delle violazioni dello Stato di diritto”. In quel testo, inoltre, si disciplina “un equo trattamento” tra i 27 nell’applicazione del meccanismo di condizionalità. 

Da Palazzo Chigi, a quanto si apprende, filtra intanto grande soddisfazione per l’accordo raggiunto dal Consiglio europeo straordinario, con un voto unanime inaspettato fino a poche ore prima. Il governo italiano – sottolineano fonti della presidenza del Consiglio – ha avuto un ruolo di primo piano e Giorgia Meloni è stata protagonista in prima persona delle mediazioni che hanno consentito di arrivare alla soluzione che ha messo d’accordo tutti. 

Prima dell’inizio del vertice straordinario a Bruxelles, c’è stato un incontro ristretto per provare a convincere Viktor Orban sull’intesa: alla riunione hanno partecipato oltre ad Orban, la presidente della Commissione Ursula von der Leyen, il presidente del Consiglio Ue Charles Michel, la premier italiana Giorgia Meloni, il presidente francese Emmanuel Macron, il cancelliere tedesco Olaf Scholz.

“Al vertice Ue parleremo anche della tremenda situazione umanitaria a Gaza – ha spiegato l’alto rappresentante Josep Borrell arrivando al vertice -: non possiamo punire collettivamente i palestinesi, il lavoro dell’Unrwa non può interrompersi, non c’è altra alternativa se vogliamo mantenere vivi gli abitanti di Gaza”. “Le indagini naturalmente devono proseguire ma non devono essere interrotti i finanziamenti all’Unrwa, l’Ue e la Commissione hanno deciso di non interromperli”, ha precisato. 

E c’è stato nuovo colloquio tra Meloni e Orban. L’incontro, a quanto si apprende, è avvenuto all’Europa Building, prima dell’inizio del vertice. I due leader si erano già incontrati nella notte, in un hotel del centro di Bruxelles dove alloggia Meloni.

Ed è stata una notte di trattative: il dossier del bilancio comune è stato oggetto di due incontri chiave, quello tra Orban e la premier Meloni e quello tra il premier ungherese e Emmanuel Macron subito dopo, entrambi durati circa un’ora.

27 capi di governo, accordo, Ucraina, ue, Zelensky


Sandro Bennucci

Direttore del Firenze Post Scrivi al Direttore

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.

Firenze Post è una testata on line edita da C.A.T. - Confesercenti Toscana S.R.L.
Registro Operatori della Comunicazione n° 39741