Skip to main content

Droga sull’autostrada A11: 13 chili di hashish nel doppio fondo di una macchina. Arrestati due “corrieri”

Foto Polizia di Sato

FIRENZE – Scoperti 13 kg di hashish nei doppifondi di un’auto: la Polizia di Stato arresta due presunti corrieri della droga intercettati dalla Squadra Mobile sulla Autostrada A11, Firenze-Mare.

La droga veniva trasportata in un sofisticato sistema di “doppifondi” di un’auto: lo ha scoperto la Polizia che ha sequestrato i 13 chili di hashish e arrestato, con l’accusa di illecita detenzione di sostanze stupefacenti, due cittadini marocchini di 25 e 39 anni, residenti, rispettivamente, nel Pistoiese e nell’Aretino.

L’operazione è stata minuziosamente seguita dalla Squadra Mobile di Firenze che, già da tempo, teneva d’occhio i movimenti del 39enne, già noto proprio alla Sezione Antidroga e al quale il Tribunale di Sorveglianza aveva vietato di allontanarsi dalla provincia di Arezzo.

Così, quando i poliziotti della Mobile, hanno intercettato in strada, a diversi km da Arezzo, il cittadino straniero al volante di un SUV nei pressi della A1, l’hanno seguito a distanza. Il veicolo, con a bordo i due che di lì a poco sarebbero finiti in manette, ha poi imboccato l’A11 in direzione “mare”; a questo punto, gli agenti sono entrati in azione. Appena l’automobilista si è reso conto di aver attirato l’attenzione, ha accelerato, nonostante l’alt della polizia.

Grazie alla collaborazione della Stradale di Firenze, in pochi attimi il veicolo è stato messo nella condizione di accostare e rallentare, facendolo immettere, in sicurezza, sulla corsia d’emergenza.

A questo punto l’automobilista avrebbe anche accennato un ultimo tentativo di evitare il controllo ingranando la retromarcia, ma in pochi attimi i due cittadini marocchini sono stati bloccati. Gli agenti dell’Antidroga hanno scoperto gli ingegnosi doppifondi sotto i sedili anteriori del mezzo.

Ai due fermati non è rimasto che rivelare il complesso sistema di apertura dei vani nascosti: a motore acceso, era necessario come prima mossa premere un pulsante di uso comune sul cruscotto; poi, con un cavetto collegato ad un’estremità alla porta USB presente nell’abitacolo, veniva creato un contatto con la parte opposta, in un punto preciso sopra i vani portaoggetti fantasma.

Una volta azionato il meccanismo, dal loro interno è saltata fuori la droga e, a fine serata, i due automobilisti sono stati scortati dalla polizia al carcere fiorentino di Sollicciano.

droga in autostrada, hashish, polizia stradale, presunti corrieri, squadra mobile


Gilda Giusti

Redazione Firenze Post

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.

Firenze Post è una testata on line edita da C.A.T. - Confesercenti Toscana S.R.L.
Registro Operatori della Comunicazione n° 39741