Skip to main content

Angelina Mango vince il Festival di Sanremo 2024. Geolier al secondo posto, Annalisa al terzo

Angelina Mango con il brano La noia vince il festival di Sanremo

SANREMO – Trionfa Angelina Mango. Che, fra le lacrime, sul palco di Sanremo, grida: “Siete matti. Grazie a tutto.Grazie di cuore all’orchestra, a te, a Gio, a Fiorello, a voi, al mio team, a Marta, a mia mamma, a Phil, Antonio, la mia famiglia che è qui stasera, grazie che siete venuti”.

Alle spalle della 22enne figlia di Pino Mango e Angela Valente si piazzano, nell’ordine, Geolier con il brano I’ p’ me, Tu p’ te, Annalisa con Sinceramente, Ghali con Casa mia, Irama con Tu no. Una top five composta tutta da artisti che rappresentano le nuove generazioni della musica e intercettano le tendenze del mercato.

A Loredana Bertè, con il brano Pazza, è andato il Premio della Critica Mia Martini; ad Angelina Mango sono andati anche il Premio della Sala Stampa Lucio Dalla, con 22 voti e il Premio Giancarlo Bigazzi per la miglior composizione musicale. Il Premio Sergio Bardotti per il miglior testo è stato assegnato a Fiorella Mannoia con Mariposa.

TELEVOTO – La valanga di preferenze ha mandato in tilt il televoto: artisti e fan hanno segnalato problemi nella ricezione dei messaggi di conferma. Ma la Rai – dopo le opportune verifiche – ha precisato che la grande quantità di preferenze era stata regolarmente acquisita e che nessun voto sarebbe andato perso.

FIORELLO – Per chiudere il suo ultimo festival Amadeus ha voluto accanto a sé ancora l’amico Fiorello: dopo le ore piccole con Viva Rai2! e le incursioni all’Ariston, lo showman si è presto il palco con una rivisitazione dell’Uomo in frac su un mash-up tra Domenico Modugno e Billie Jean di Michael Jackson, con un costume luminoso dagli inserti led, con i ballerini della Compagnia ucraina di danza hi tech di Kiev. Il suo show ha spaziato tra gli ascolti boom del festival e la decisione del direttore artistico di lasciare dopo cinque edizioni consecutive. “Quest’uomo ha fatto cose incredibili, sta facendo cose straordinarie, tu hai fatto il 67%: non sei più un partito, sei una coalizione da solo.

SCUOLA – Questo vince le europee e si prende l’Eurofestival, state attenti”. “È il nostro ultimo festival”, ha ricordato Fiorello. “Ha bisogno di riposo, perché quando finirà andrà a fare i Soliti ignoti, i pacchi, il capodanno di Rai1, l’Arena Suzuki. Sai a chi penso? A Josè”. E poi, rivolto al figlio del direttore artistico seduto in prima fila: “Sono cinque anni che sei lì, gli italiani ti hanno visto crescere su quella poltrona”. L’anno prossimo te tocca anda’ a scuola. E il professore appena ti vedrà dirà: Josè Sebastiani, con il codice 01, vieni interrogato”. Si è lasciato scappare un vaffa quando Amadeus lo ha sorpreso di spalle sul palco per fargli uno scherzo. E dopo le polemiche sul caso Travolta, ecco la ‘pubblicità palese’ all’abito Armani e Il ballo del qua qua sulle note di Farfallina di Luca Carboni. Dopo i fischi di venerdì, alla fine della serata cover, e quelli di questa sera, alla lettura della classifica prov

BIGMAMA – Gli applausi hanno premiato l’esibizione di Geolier, mentre tutto il pubblico si è alzato in piedi a incoraggiare Angelina Mango, scivolata salendo sul palco. La finale è filata via tra una dedica, un appello, un abbraccio alle mamme in platea. BigMama ha urlato la sua La rabbia non ti basta “a tutte le persone insicure, a chi prova vergogna: credete sempre in voi stessi, credete nei vostri sogni e se volete ballare, ballate”. Gazzelle ha dedicato la sua Tutto Qui a “Giovanna, una persona che mi manca molto”. Dargen D’Amico ha cantato Onda Alta e poi bacia Mara Venier: Amadeus lo ha ringraziato “per avere portato allegria e al tempo stesso riflessioni profonde”. I Negramaro hanno proposto Ricominciamo tutto e hanno urlato: “Viva la musica, viva la libertà, viva la pace”.

TUTA GOLD – Mahmood ha convinto con la sua Tuta Gold e poi ha ringraziato “tutte le artiste e gli artisti che ci hanno regalato la loro visione del mondo in maniera totalmente libera su questo palco. Viva le differenze e la libertà di pensiero sempre e comunque”. Ghali, che spicca con Casa mia, si è fatto suggerire dall’alieno Rich che lo accompagnava il suo ‘Stop al genocidio’. E mentre Tedua si esibiva sulla Costa Smeralda tra il pubblico sono apparsi bandiere palestinesi e cartelli con stop al genocidio e cessate il fuoco. Il pensiero di Emma è andato al papà Rosario, mancato nel 2022: “È stato il primo a lanciarmi sul palco: gli prometto che ci resterò fino a quando avrò fiato in corpo”. La Sad hanno sollevato una bandiera verde, viola e blu: “Non rappresenta ideali politici, ma i valori della lotta alla discriminazione, alla violenza, all’odio, all’abuso e al sessismo. è solo il primo passo per cambiare l’Italia al meglio se tutti lo vogliamo”.

BOLLE – Mr. Rain ha lasciato i fiori su una delle Due Altalene sul palco, con dedica a “tutte le persone che hanno il vuoto dentro”. Sangiovanni a 21 anni ha capito che “la sconfitta e la vittoria non sono davvero importanti, ma la vittoria è stare bene o quanto meno provarci”. Superospite Roberto Bolle, incantevole sulle note del Bolero di Ravel. Gigliola Cinquetti ha riproposto Non ho l’età, a sessant’anni dalla vittoria al festival: “Questa canzone se n’è andata per conto suo, fra la gente, è diventata della gente, adesso è come se fosse tornata a casa”

Amadeus, Angelina Mango, festival di sanremo 2024, Fiorello, Geolier


Gilda Giusti

Redazione Firenze Post

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.

Firenze Post è una testata on line edita da C.A.T. - Confesercenti Toscana S.R.L.
Registro Operatori della Comunicazione n° 39741