Skip to main content

Firenze, truffe agli anziani: si fingono carabiniere e avvocato. Arrestati

Escalation di truffe agli anziani

CAMPI BISENZIO – Due arresti in flagranza sono stati eseguiti a Campi Bisenzio dove i Carabinieri del Nucleo Operativo e Radiomobile hanno bloccato due 27enni Italiani che avevano tentato di raggirare una donna 83enne della zona.

Dopo essersi qualificati telefonicamente come appartenenti all’Arma dei Carabinieri, le hanno riferito che la figlia aveva causato un incidente stradale e per questo era stata tratta in arresto, aggiungendo che per la sua liberazione avrebbe dovuto pagare la somma di 4.000 euro, o in contante o anche con monili in oro, da consegnare a un presunto avvocato incaricato alla riscossione che si sarebbe recato presso la sua abitazione.

L’ anziana, memore di un incontro di sensibilizzazione avuto in precedenza con i Carabinieri (quelli “veri”), ha segnalato l’accaduto al 112. I militari della Compagnia di Signa l’hanno assistita inviando pattuglie sul posto. Infatti, da lì a poco, presso l’abitazione della vittima si è presentato un giovane, dicendo di essere l’avvocato incaricato di ritirare i soldi o anche l’oro, ma sulla porta dell’appartamento è stato accolto dai Carabinieri che lo hanno bloccato. Una seconda pattuglia dell’Arma ha individuato anche il complice in attesa nei pressi dell’abitazione.

Il secondo episodio risale invece allo scorso novembre a Firenze, nel quartiere di Peretola. Qui l’anziana vittima era stata avvicinata in strada da due giovani donne che, con la scusa di aiutarla a portare la spesa in casa, le hanno sottratto la carta bancomat, utilizzandola poco dopo per un prelievo di contanti. L’odiosità del fatto ha sostenuto i militari della Stazione Carabinieri di Firenze Peretola nel difficile compito di assegnare un’identità ai due volti delle truffatrici, ripresi dalla telecamera del bancomat.

Le indagini hanno permesso di accertare che esse si erano rese responsabili anche del furto di un portafoglio, avvenuto precedentemente in appartamento dello stesso quartiere. Per tali motivi, il Tribunale di Firenze, su richiesta della Procura della Repubblica, ha emesso una ordinanza di custodia cautelare in carcere, eseguita nella giornata di ieri, 23 febbraio 2024 ad Aprilia (LT), dove è stata rintracciata una delle complici, italiana 23enne, priva di fissa dimora. La complice, priva anch’ella di fissa dimora, è attivamente ricercata.

arrestati, campi bisenzio, carabinieri, truffe ad anziani


Gilda Giusti

Redazione Firenze Post

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


Firenze Post è una testata on line edita da C.A.T. - Confesercenti Toscana S.R.L.
Registro Operatori della Comunicazione n° 39741